Lanci di fumogeni e petardi in campo a San Siro: la partita tra Italia e Croazia, valida per le qualificazioni per gli Europei del 2016, è stata interrotta per 2 volte. E si è conclusa con 17 arresti. Nella seconda sospensione l’arbitro Kuipers ha deciso di mandare le squadre negli spogliatoi per dieci minuti e ci sono state delle cariche di alleggerimento nell’area dove si trovavano i tifosi croati. La partita è terminata con un pareggio (1-1) con le reti di Candreva al 10′ e Perisic al 15′.

Già dopo il gol croato al 15esimo del primo tempo, dal settore dei tifosi ospiti nel terzo anello erano stati lanciati fumogeni atterrati sul campo e per qualche minuto era stata ritardata la ripresa del gioco. Il secondo stop è avvenuto invece al 73esimo minuto del secondo tempo. La partita si è poi conclusa senza nuovi disagi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, agguato durante partita di calcio: sprangate ai tifosi dell’Ardita

prev
Articolo Successivo

Italia – Croazia, finisce 1-1. Azzurri messi in difficoltà

next