Gli scontri tra gli studenti che manifestano a Milano e forze dell’ordine sono durati pochi minuti e il bilancio, provvisorio, è di qualche contuso, tra cui, sembrerebbe, un finanziere. Gli studenti, in corteo contro le riforme del Governo Renzi, non dovevano attraversare piazza Santo Stefano per raggiungere piazza Beccaria, ma hanno deciso di non ascoltare le forze dell’ordine e di scegliere la strada parallela, in fondo alla quale c’era un dispiegamento di uomini della Polizia e della Guardia di Finanza. Prima hanno lanciato alcuni petardi e acceso dei fumogeni. Poi si sono diretti con fare deciso verso lo schieramento delle forze dell’ordine che, protetto dagli scudi, si è difeso con i manganelli e con il lancio di alcuni lacrimogeni. Ora la situazione è sotto controllo: i manifestanti sono ancora fermi in strada, ma a distanza dagli uomini in divisa. Secondo qualcuno ci sarebbero almeno tre o quattro contusi  di Alessandro Madron e Francesca Martelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Papa Francesco: “Tante persone costrette a lavorare in nero e senza garanzie”

next
Articolo Successivo

No Tav, pm chiedono 9 anni e mezzo per 4 anarchici accusati di terrorismo

next