Direzione Pd in corso al largo del Nazareno a Roma, dopo l’incontro tra Renzi e Berlusconi a palazzo Chigi e un vertice della minoranza del Pd alla Camera. “Il Patto è solido? Io ho letto il comunicato come voi, di certo c’è che dobbiamo fare una legge elettorale nel più breve tempo possibile”, avverte Ivan Scalfarotto. “Non sappiamo nemmeno su cosa voteremo oggi, è una Direzione assurda – afferma il deputato Pippo Civati – Renzi inviti Berlusconi così facciamo prima”. “Berlusconi incontra i suoi prima di parlare con il presidente del Consiglio, la minoranza Pd non serve nemmeno a ratificare decisioni prese altrove”,  aggiunge Davide Zoggia che minaccia: “Non votiamo un mandato al buio”. Jobs act, legge di stabilità, legge elettorale, sono troppe le cose messe in campo dal premier secondo la minoranza. “Il governo è fermo ad un palo? Forse, soprattutto se non si discute di legge di stabilità, la priorità per il Paese, lì ci sono i fondi previsti per il Jobs act”, chiosa Civati  di Irene Buscemi 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Casapound, Di Stefano: ‘Se non c’era il fascismo, ora eravamo nel Terzo Mondo’

next
Articolo Successivo

M5S: la rete ratifica decisioni già prese. Altro che democrazia diretta!

next