No Martini, no Festival: l’equazione sta in piedi da molti anni, ma ora dà nell’occhio. Torino cambia verso, e il renzismo non c’entra: finita l’epoca dei Nanni, dei Gianni e dei Paoli, la direzione del 32 esimo Film Festival, dal 21 al 29 novembre, è affidata a Emanuela Martini, critica acuta, assidua sotto la Mole. Perché un passo dietro ai Moretti, agli Amelio e ai Virzì delle ultime edizioni “stellari” c’era sempre lei: vicedirettore, ovvero donna-macchina, sgobbona di gusto e sostanza dietro il cartellone.

Ora le toccano le luci della città, ma non se ne vanta: ringrazia, in primis, “Nanni per il rigore identitario, Gianni per la passione cinefila, Paolo per l’intelligenza pop”. Prendendosi una pausa dalla promozione americana de Il capitale umano, Virzì tornerà a Torino per fare da guest director, con sezione ritagliata su misura: “Diritti e rovesci” (bel titolo) accoglierà Let’s go di Antonietta De Lillo, Per tutta la vita di Susanna Nicchiarelli, Qualcosa di noi di Wilma Labate, Triangle di Costanza Quatriglio e Il viaggio di Marco Cavallo di Erika Rossi e “l’intruso” Giuseppe Tedeschi.

Già, dalla Martini alle nostrane tenniste, passando per la campionessa indie Usa Josephine Decker (omaggiata da Onde), Torino è donna, e alla bisogna fare anche i conti della serva: 2 milioni e 200 mila euro di budget, ovvero 200 mila meno dell’anno scorso, ma qui nessuno si dispera. Perché il red carpet non è di casa, il mantra recita “l’importante è il film e non chi l’accompagna”, e così la spending review taglia senza colpo ferire la madrina e lascia alla Signorina Silvani di fantozziana memoria, la gloriosa Anna Mazza-mauro, gli onori e oneri della serata finale.

Dunque, i film: 15 i titoli in Concorso, tutti eccetto uno opere prime e seconde, che guardano a “Gus Van Sant, danno grande attenzione al genere” e annoverano due italiani, Frastuono di Davide Maldi e N-Capace di Eleonora Danco. Se la non-commedia flaubertiana Gemma Bovery e il liberatorio Wild con l’Oscarizzabile Reese Whiterspoon apriranno e chiuderanno il festival, in mezzo ci sono il nuovo di Woody Allen Magic in the Moonlight, l’atteso The Theory of Everything di James Marsh su Stephen Hawking, Diplomatie di Schlondorff e il meritatissimo Gran Premio Torino a quel punkettone di Julian Temple.

Di tutto, di più (di molti altri festival), ma senza esagerare: 197 i titoli in programmazione, tra cui Storm Children, Book 1 del filippino-fiume Lav Diaz e l’anti-cinepanettone di Torre, Vendruscolo e Ciarrapico (Boris) Ogni maledetto Natale. Chi manca? Udite, udite: Ferzan Ozpetek, presidente di giuria affiancato da Carolina Crescentini, Geoff Andrew, Debra Granik e Georgy Palfi.

Insomma, Torino è pronta, allacciate le cinture.

il Fatto Quotidiano 12 Novembre 2014

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

RaroVideo compie 15 anni e festeggia con il Blu-Ray de Il Conformista

next
Articolo Successivo

Quentin Tarantino, addio al cinema? “La regia è un gioco per persone giovani”

next