Settembre nero per la produzione industriale italiana. Che è tornata a scendere, segnando un calo del 2,9% su base annua (il dato più basso da settembre 2013) e dello 0,9 rispetto ad agosto. L’Istat, che ha diffuso i dati lunedì, ha registrato variazioni negative in tutti i comparti. Su base mensile, a scendere più di tutte è la produzione di beni di consumo (-3,2%), seguita dai beni strumentali (-2,4%), dall’energia (-1,5%) e dai beni intermedi (-0,8%). Rispetto allo stesso mese del 2013, invece, il calo maggiore lo fa segnare l’energia, la cui produzione si è ridotta del 3,6%, seguita dai beni di consumo (-3,3%), e da quelli intermedi (-2,8%) e strumentali (-2,7%).

Per quanto riguarda i settori di attività economica, a settembre i comparti che hanno registrati i cali peggiori su base annua sono stati quelli della fabbricazione di apparecchiature elettriche e per uso domestico non elettriche (-12,8%), seguiti dalla produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (-10,1%) e dall’industria del legno, della carta e stampa (-7%). Gli unici settori di attività economica che registrano una crescita tendenziale, secondo l’istituto di statistica, sono quelli della fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, di misurazione e orologi (+2,6%), prodotti chimici (+2,1%) e altre industrie manifatturiere, riparazione e installazione di macchine e apparecchiature con +1,1 per cento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Debiti pa, il Tesoro: “A fine ottobre pagati ai creditori 32,5 miliardi”

prev
Articolo Successivo

Esselunga, i figli del patron Caprotti fanno di nuovo ricorso contro il padre

next