Si era allontanato da casa per un litigio, poi si è ripresentato con una tanica di benzina, ha gettato il liquido in casa e ha dato fuoco. Ma la bombola di gas gli è esplosa addosso: lui è morto e ha ferito altre sei persone, tra le quali ci sono due minori.

E’ accaduto a Moncalieri, nella periferia sud di Torino, dove un rumeno di 45 anni ha causato lo scoppio all’interno della palazzina in cui viveva.

Grave un 40enne, meno gravi gli altri, tra cui i due bambini. I vigili del fuoco sono accorsi sul posto insieme a personale del 118 e carabinieri, che hanno dovuto domare un incendio di vaste dimensioni. L’edificio dove si è verificato lo scoppio, in una casa in strada Preserasca, è un’abitazione indipendente. Quattro feriti con codice giallo sono stati trasportati all’ospedale Cto di Torino e due bambini, con codice verde, al Regina Margherita.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Muro di Berlino, cominciò Wojtyla: “Non abbiate paura, aprite i confini degli Stati”

prev
Articolo Successivo

Allerta meteo, allagamenti a Chiavari. Evacuati i piani terra a Carrara

next