Estate 2007, Parigi: a usare la parola ‘salope’ (una variante di putain, puttana, ma lievemente più forbita) è  stato Patrick Devedjian, segretario del partito del capo dello Stato Nicolas Sarkozy,  che si stava compiacendo con il parlamentare del suo schiaramento, Michel Havard, per aver battuto Anne-Marie Comparini, ex deputata dell’Udf, il partito centrista di Francois Bayrou. Entrambi erano infatti candidati alle allora legislative a Lione. Il video li ritrae belli tronfi, gran pacche sulle spalle, quel tipico atteggiamento fisico dei maschi che indicano con il linguaggio del corpo, prima ancora che con le parole, che sono consapevoli del dominio che posseggono e che esercitano legittimamente: Dio, la Patria e l’essere possessori di un pene li rende ciò che sono.

Le reazioni di sdegno, condanna, e deplorazione di rito arrivarono: il primo a intervenire fu Sarkozy, che ammise: “Non è questo un modo di parlare né delle donne, né di nessun altro”. Lo stesso Devedjian telefonò all’avversaria chiedendo scusa. “Io non sono maschilista”,precisò, inconsapevole forse dell’effetto comico di questa affermazione.

Chissà se il direttore di Chi, giornale ‘popolare’ che fa del ‘gossip’ il suo punto di forza si scuserà con la ministra Madia per aver pubblicato alcune foto mentre mangia un gelato, corredate da commenti a doppio senso. Come scritto, e detto già molte volte, il modo più efficace per depotenziare (e umiliare) una donna, anche e soprattutto quando è ai vertici della rappresentanza, è alludere in modo più o meno esplicito alla sua sessualità.

marianna madia gelato 675

Il ‘giornalismo’ cosiddetto scandalistico esiste, ed è per lo più basato su pensieri e visioni sessiste, omofobe e di basso profilo culturale, perché parte dal presupposto che ‘la gente’ voglia sapere le vicende private e sessuali dei e delle potenti, siano attrici, politici, miliardari.

Come giornalista, donna e cittadina sono indignata: lasciar passare questo modo di fare ‘spettacolo’, ‘informazione leggera e di costume’, o semplicemente ‘gossip’, come qualcuno potrebbe liquidare l’accaduto è, per me, ribadire l’insulto e la mancanza di rispetto nei confronti della ministra in primo luogo Madia, ma anche dell’intelligenza e del buon giornalismo.

Sull’episodio francese Segolene Royal, che a sua volta era stata oggetto di svariati insulti e allusioni rigorosamente a sfondo sessuale durante la campagna elettorale, disse: “E’ intollerabile che si possa qualificare così una donna, politica o no”. Qui in Italia, dopo i ritocchi alle foto della ministra Boschi, i riferimenti sessuali su come le donne arrivano in Parlamento e altre amenità simili delle quali ho perso il conto, con questa (non ultima), prodezza mediatica della quale si sentiva la mancanza, qualcuno avrà qualcosa da dire o si tratta di libertà di stampa da una parte e dall’altra di vacue preoccupazioni delle femministe, perché c’è qualcosa di più urgente e importante di cui discutere?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Violenza sulle donne: libere di uscire, libere di correre

next
Articolo Successivo

Iran: Reyhaneh, un’inaccettabile violenza

next