Il Salone del Mobile di Milano – che ogni anno riunisce il meglio delle aziende e dei progettisti di tutto il mondo, anche con le iniziative collaterali del “Fuori Salone” presenti in città – costituisce certo la più importante “vetrina” internazionale (nonché luogo di affari) per il settore dell’arredamento, del design e del Made in Italy.

Il Salone del Mobile è stato fino ad oggi organizzato da Cosmit, società controllata da Federlegno Arredo, federazione che riunisce le aziende del settore. Cosmit per molti anni è stato gestito con una struttura societaria propria, fino al giugno scorso quando è confluito in Federlegno Arredo Eventi. All’inizio di questa settimana è stato rinnovato il Consiglio di Amministrazione e Roberto Snaidero nominato Presidente del Salone del Mobile.

salone mobile 640

A pochi mesi dall’apertura del Salone 2015 (e non è difficile pensare allo stato di avanzamento e ai tempi operativi-organizzativi che tale scadenza comporta) nell’anno dell’Expo a Milano, cambiano dunque Direzione e regia della fiera milanese, in quanto lascia il ruolo ricoperto, da due anni fino a settimana scorsa, l’ex-Presidente Cosmit Claudio Luti, proprietario di Kartell azienda storica del design e fra quelle che con successo ha saputo affrontare la difficile crisi attuale.

Un avvicendamento “in corsa” per il Salone del Mobile, dunque, legato alle nuove strategie di Federlegno, a cominciare dalla possibilità di razionalizzazione di risorse ed economie, e che si colloca più in generale dentro la ricerca di nuovi equilibri e assetti del sistema complessivo delle imprese e del design italiano nel contesto internazionale.

Si tratta di una fase di passaggio a diverso titolo emblematica e decisiva, dentro la quale sembra quanto mai necessario che il Salone del Mobile – con i suoi caratteri, specificità, risorse e qualità – continui a svolgere, o ancora intensifichi, il proprio ruolo specifico, utile alla costruzione del prestigio, all’affermazione e successo delle aziende del design.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Btp Italia o Buoni Fruttiferi?

next
Articolo Successivo

Legge di stabilità, sul lavoro l’effetto sostituzione prevarrà sui nuovi posti

next