“Questo vuol dire libertà – scrive Nikos Kasanzikis in Zorba il Greco – avere una passione, raccogliere monete d’oro e all’improvviso vincere la passione e gettare al vento tutto quello che possiedi”. Nessun uomo sano, nei tempi moderni fagocitati dalla globalizzazione coatta, pensa di poter vivere senza il valore materiale del denaro o di quei pezzi color cemento che affollano le nostre vite. Ma fermarsi qualche momento e ragionare sull’importanza dell’antropos piuttosto che di numeri e spread, forse è ciò che occorre a società paralizzate da deficit (culturali prima che finanziari), sempre pronte al potente di turno e incapaci di rialzare la testa e ricominciare a costruire una polis.

L’esempio sportivo interista, di un past president messo ai margini (anche da un allenatore modesto, tecnicamente e comportamentalmente) senza rispetto per il pathos dell’uomo, è in questo senso calzante e potrebbe spalancare gli occhi di molti (compresi amministratori o pseudo analisti dediti al manuale Cencelli) che non hanno ancora focalizzato un passaggio essenziale. La storia ci aiuta nel ricordare che al centro di un’agorà che produce società, comunità, polis e imperi ci deve essere l’antropos. Con i suoi difetti, le sue imprecisioni, le sue debolezze, ma al contempo con i suoi scatti di entusiasmo, la volontà di mettere in discussione la propria tasca. Con tutte le debite proporzioni, è quello che è capitato all’Italia del dopoguerra con i piccoli artigiani che, rischiando in proprio, hanno rifatto l’Italia.

Thohir

Il modus operandi da “troika” non è scientificamente applicabile all’antropos, semplicemente perché, pur consapevoli che i numeri vanno rispettati e che se si spende più di quello che si incassa si fallisce, l’uomo non è un essere speculare ad un numero. A maggior ragione in un calcio dove è la passione dei tifosi a riempire gli stadi e a far crescere gli abbonamenti alle pay tv. Per cui un magnate che fino ad oggi non ha messo sul tavolo una lira propria pur acquisendo il 70% dei cammelli nerazzurri, deve capire che la passione di chi nell’anima sarà sempre il presidente va rispettata. E dopo, ovviamente, anche confrontata e/o confutata con ciò che la quotidiana amministrazione societaria impone.

Ma senza quel piglio da “troika”, con forbici gelidamente in mano e senza guardare in faccia i dipendenti che si sceglie di licenziare come fatto dall’indonesiano. Perché così si continuerebbe con l’ignorare che la polis e i mercati le hanno fatte gli uomini imperfetti. E non il contrario.

Twitter @FDepalo

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marco Pantani con ematocrito alto nel ’98. Ma fu cacciato il gregario Forconi

next
Articolo Successivo

Calcio: il fenomeno delle ‘Soccer Mom’

next