La beffa sta in una frase: “L’impiego del personale con orari e turni di servizio in deroga a quelli previsti dagli accorsi in vigore è disposto solo con informazione alle organizzazioni sindacali firmatarie dell’Accordo nazionale quadro”.
 
Renzi si prende la sua rivincita e, dopo le minacce di “sciopero” da parte delle forze di polizia, decide di restituire ai sindacati il benservito. Con l’entrata in vigore della legge di stabilità, a decidere gli orari di lavoro dei poliziotti non sarà più la concertazione – a livello territoriale –tra questori e organizzazioni sindacali, ma a questi ultimi verrà data solo un’“informazione”.
 
Di fatto, una delegittimazione per la categoria più sindacalizzata d’Italia. Ad accorgersi del trucco –il governo ha comunque sbloccato i tetti salariali – è stato il sindacato Sed. Gianni Meuti, della segreteria nazionale: “Il governo in questo modo annulla il ruolo dei sindacati in ambito contrattuale”.
 
Il Fatto Quotidiano, 19 ottobre 2014

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sciopero aerei Lufthansa, piloti protestano per pensioni: oltre 1400 voli cancellati

next
Articolo Successivo

Meridiana fly, i giorni della verità per 1600 dipendenti a rischio licenziamento

next