La cosa mi ha incuriosito non poco. Non tanto per la circumnavigazione eco-sostenibile con barca a vela attorno al globo per circa 27.000 miglia nautiche, senza assistenza e senza scalo, che certo di per sé non è affatto una notizia. Mi ha incuriosito invece quella frase aggiuntiva. Il viaggio si farà in completa autonomia energetica, idrica e alimentare. Stiamo ovviamente parlando di ricerca scientifica. Una ricerca davvero singolare e con degli obiettivi ambiziosi. Il progetto, patrocinato dalla Sapienza e dalla Regione Lazio, si chiama “Roma Ocean World” e punta a battere tre record: compiere il primo giro del mondo in solitario senza combustibili fossili a bordo e quindi in autonomia energetica, farlo in autonomia alimentare e compiere il primo giro del mondo in solitario dall’Europa con un Class 40.

Matteo Miceli, velista di professione e proprietario a metà della barca, l’altra metà è di Paolo De Girolamo, docente di Costruzioni marittime di Ingegneria, domenica salperà dal porto di Riva di Traiano.

Ma non sarà solo. Con sé porterà La Bionda e La Mora, due galline non nuove a queste avventure sul mare. La coppia è infatti ben collaudata e non è stata sostituita.  Mi ha spiegato De Girolamo, che è anche il progettista della barca ecosostenibile, che le galline faranno le uova con grande regolarità e saranno il cibo fresco e quotidiano per Matteo. Le chiare le mangerà tutti i giorni,  i rossi due o tre volte a settimana. Ma il velista solitario mangerà anche le verdure fresche che arriveranno dall’orto biologico che è  a bordo. Un orto illuminato artificialmente,  irrigato con acqua di mare desalinizzata e fertilizzato con compost autoprodotto: alghe e residui alimentari.

L’orto è di 1 metro quadro ed è stato studiato dalla Facoltà di Agraria di Napoli. Matteo a bordo coltiverà e consumerà prezzemolo fresco, per la vitamina C, insalata e germogli di soia, grano e lenticchie. Per sicurezza avrà delle scorte alimentari da consumare quando sarà strettamente necessario: 4 litri di olio, frutta secca e carboidrati.

Il viaggio potrebbe durare all’incirca sei mesi e dalla Sapienza seguiranno quotidianamente tutto ciò che avverrà a bordo.

Altre curiosità soddisfatte: la barca è alimentata da pannelli fotovoltaici calpestabili, due generatori eolici e due idroturbine a immersione che trasformeranno in energia elettrica il movimento dello scafo.

Tutto, anche il software di controllo e il sistema dati di bordo sono stati progettati e realizzati dagli ingegneri della Sapienza di Roma. E per la prima volta nella storia, nessun combustibile fossile sarà bruciato a bordo: Matteo cucinerà solo con dispositivi elettrici, e quindi con forno normale, con microonde e con il bollitore.

La rotta. La Class 40 doppierà i “Tre Capi”: quello di Buona Speranza, Capo Lewinn e Capo Horn. Comunque per chi volesse seguire il viaggio di Matteo sarà possibile farlo in streaming sul sito www.matteomiceli.com 

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alluvione Genova, gli esperti: “Meno giorni di pioggia, ma stesso volume d’acqua”

next
Articolo Successivo

Marte, cometa “sfiorerà” il pianeta rosso. Aurore e pioggia di meteori

next