Passa nelle mani di un imprenditore dell’Est Europa la villa Godilonda di Castiglioncello, in provincia di Livorno, che fu dei gioiellieri Bulgari. Dopo sette anni di abbandono la struttura, costruita sulla punta estrema di un promontorio a picco sul mare, è stata venduta per 6 milioni di euro. Stando alla società immobiliare che ha seguito le trattative, sarà ristrutturata per trasformarla in un hotel extra lusso. Così, subito dopo la cessione del Forte Village ai fratelli russi Bazhaev, un altro pezzo dell’offerta turistica italiana finisce sotto il controllo di capitali esteri. Proprio mentre, sempre a Castiglioncello, è ancora in vendita Villa Corcos, appartenuta ad Alberto Sordi. Mentre la vicina villa Pontello è dalla scorsa primavera proprietà di un altro cittadino russo. 

La Godilonda è costituita da un edificio principale di 1.700 metri quadrati con 28 camere, un giardino d’inverno, una spa, undicimila metri quadri di parco a macchia mediterranea e una spiaggia privata. Leggenda vuole che a dare il nome alla proprietà sia stato Gabriele D’Annunzio, dopo averci trascorso una notte agli inizi del Novecento. Nel dopoguerra la villa diventò residenza estiva della famiglia dei gioiellieri Bulgari, che nel 2011 ha venduto la storica azienda orafa a Lvmh. Negli anni Ottanta fu convertita in un albergo, in cui hanno soggiornato grandi personaggi del cinema italiano: da Marcello Mastroianni a Vittorio Gassman e Walter Chiari. Tutti habitué di Castiglioncello, che d’altronde negli anni del boom era una piccola Hollywood dove in estate soggiornava anche la sceneggiatrice Suso Cecchi D’Amico. E fu girato qui Il sorpasso di Dino Risi.  

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brasile in recessione, ma aziende italiane continuano a investire. Aspettando il voto

next
Articolo Successivo

Spending review, nulla di fatto. “In 5 anni spesa dello Stato salirà di 40 miliardi”

next