Continuano le proteste degli studenti e dei sostenitori di Occupy Central che da giorni stanno bloccando le strade di Hong Kong per chiedere reali riforme democratiche. I leader del movimento, che ormai è stato ribattezzato “la rivoluzione degli ombrelli“, hanno chiesto alle autorità dell’ex colonia britannica e del governo centrale cinese di accogliere le loro richieste, comprese le dimissioni del capo del governo locale, Leung Chun-ying, e il ritiro della riforma elettorale annunciata da Pechino. Altrimenti, affermano i leader del movimento pacifico, inizieranno altre azioni di disobbedienza civile. La polizia intanto ha tenuto un profilo basso durante le manifestazioni che si sono avute durante la notte scorsa, dopo che ieri le autorità avevano ordinato il ritiro della polizia anti-sommossa. I dimostranti – che portano tutti un ombrello, per ripaparsi dal sole cocente ma anche dal lancio dei lacrimogeni, diventato così il simbolo della protesta – hanno bloccato le principali arterie dalla zona commerciale di Hongo Kong dove molti negozi rimangono chiusi. Guarda la diretta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Isis, nuovo video dell’ostaggio John Cantlie: ‘Raid non renderanno Occidente più sicuro’

prev
Articolo Successivo

Indipendenza Catalogna, lo scontro sul referendum si sposta in tribunale

next