Già sposati. Stampa gabbata e folle di curiosi seminate, in pieno stile Ocean’s Eleven: George Clooney e Amal Alamuddin hanno detto sì sabato 27 settembre nel corso di una cerimonia privata. Stando a quanto dichiarato dal responsabile delle pubbliche relazioni dell’attore, Stan Rosenfield, l’attore e l’avvocato si sono sposati all’hotel Aman (la notizia è stata data dalla CNN in tempo reale, come “breaking news”) davanti a 200 persone. La cerimonia è stata ufficiata da Walter Veltroni (che, secondo le indiscrezioni della vigilia sarebbe dovuto sbarcare in laguna solo lunedi). Mentre domani, a palazzo Cavalli Franchetti, ci sarà la registrazione ufficiale del rito. Uno degli scapoli più desiderati del cinema è, dunque, capitolato, tra orde di turisti accorsi sul posto e l’ironia della rete. Intanto Venezia si è trasformata in una succursale di Hollywood: tra gli amici della coppia presenti alla tre giorni di feste e bagordi, infatti, figurano nomi come Bono Vox (accompagnato dalla moglie Alison), Matt Damon, Anna Wintour (direttrice di Vogue america, per i più alter ego reale della Meryl Streep del Diavolo veste Prada), Cindy Crawford, Bill Murray.

Secondo fonti non ufficiali riportate da diversi media americani l’attore americano sarebbe intenzionato a intraprendere una carriera politica dopo il matrimonio con l’avvocato libanese e il sessuologo Vito Frugis, intervistato da Adn Kronos Salute, afferma che la neo signora Clooney sarebbe perfetta, proprio in relazione a questo obbiettivo: “Non è bellissima ma è piuttosto curata e molto sofisticata – dice – A colpire piuttosto è il suo curriculum. In quest’ottica colta e impegnata, la scelta di Venezia, crocevia di culture e perfetta sintesi fra Oriente e Occidente, è azzeccata. E questo anche rispetto all’origine e all’ambiente della sposa e dello sposo”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renzi, i Poteri forti e l’infinito intrattenimento

next
Articolo Successivo

La ricchezza ha vinto: l’uguaglianza è morta

next