Speravamo che la Trotta bus service decidesse di ritirare immediatamente i provvedimenti di sospensione emessi a carico dei due autisti e rappresentanti sindacali che avevano “osato” esprimere il loro punto di vista critico durante l’ultima puntata della trasmissione Presa Diretta. Per ora questa decisione non è stata assunta, forse perché i gestori si sentono confortati dalla forsennata campagna in corso contro lo Statuto dei lavoratori e contro l’articolo 18; infatti, i provvedimenti emessi sono in palese contrasto con quelle norme e con lo stesso articolo 21 della Costituzione che non vale per i soli giornalisti, ma per tutti i cittadini.
Quei provvedimenti saranno invalidati comunque da un tribunale, magari tra 4 anni, come è successo a quei macchinisti delle ferrovie sospesi e licenziati per aver denunciato ai microfoni di Report i disservizi delle Ferrovie dello stato

Nel frattempo cosa faranno Ilario Ilari e Valentino Tomasone? Quanti altri, e non solo su questo tema, rinunceranno a denunciare pur di non essere sanzionati? Il provvedimento che li ha colpiti ci riguarda tutti, anche chi non la pensa come loro, perché colpisce il diritto a manifestare liberamente il proprio pensiero, aggravato dal fatto che si tratta di due rappresentanti dell’Unione sindacale di base.

Per questo, dando seguito a quanto avevamo annunciato nel precedente blog, Articolo 21 e la Redazione di Presa Diretta hanno deciso di promuovere una petizione per chiedere all’azienda di ritirare le sospensioni e al sindaco Marino di dichiarare incompatibili questi atteggiamenti in un’azienda che riceve appalti da enti pubblici.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lo Zoo di 105, lascia il fondatore Mazzoli: il programma a un passo dalla chiusura

next
Articolo Successivo

Stampa: la bufala strasburghese e gli asini che volano

next