Il Parlamento rimanda ancora la discussione del disegno di legge sul conflitto d’interessi. Scontro durante la riunione dei capigruppo a Montecitorio. Pd, Fi, Ncd e Sc hanno chiesto un rinvio della fine dell’esame del ddl in commissione Affari Costituzionali, previsto per fine settembre, di due settimane. Proteste invece dal Movimento 5 stelle e Sinistra ecologia e libertà che hanno spinto invece di mantenere il calendario originale dei lavori. A mediare è stata la presidente della Camera Laura Boldrini: la presidente ha concesso alcuni giorni in più ma entro l’8 ottobre la commissione dovrà licenziare il ddl perchè sia sottoposto all’esame dell’aula. La conferenza dei Capigruppo di Montecitorio ha accolto, anche se parzialmente, la richiesta di rinvio che era di 15 giorni. Il provvedimento avrebbe dovuto essere esaminato entro il 30 settembre dopo una prima proroga richiesta prima dell’estate.

E’ stato invece deciso che iniziera il prossimo 14 ottobre nella Giunta per il regolamento della Camera l’esame della riforma del regolamento di Montecitorio, nel testo base elaborato dal comitato ristretto costituito nello scorso marzo, e dei circa 300 emendamenti che sono stati già presentati. La riforma doveva andare in Aula già alla fine di settembre, ma il rallentamento dei lavori determinato dalle votazioni del Parlamento in seduta comune ha fatto slittare i tempi. Nella stessa riunione sarà valutata la richiesta avanzata da Fi di non contingentare i tempi per l’esame in Aula della riforma. Intanto, una lettera di Renato Brunetta (Fi) e Danilo Toninelli (M5S) chiede di coinvolgere nell’esame della riforma del regolamento anche la commissione Affari costituzionali “davanti allo stravolgimento dell’assetto costituzionale approvato dal Senato” con la riforma costituzionale. La presidente Laura Boldrini ha chiarito che sebbene la Giunta e la commissione non possano formalmente lavorare insieme, sono auspicabili contatti tra i componenti dei due organi, in diversi casi componenti sia della Giunta sia della commissione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Jobs act, nella crisi del Pd Bersani torna ad essere leader della minoranza

prev
Articolo Successivo

Pdl verso la chiusura: tavolo di trattativa per il licenziamento di 29 dipendenti

next