Carissimo Capitano Gregorio De Falco.

Sono il Dott. Luca Faccio da Bassano del Grappa Vicenza.

Mi occupo di tematiche socio politiche con particolare attenzione alla disabilità.

Le scrivo dopo aver letto con le lacrime agli occhi che lei da Ottobre verrà spostato dal settore Operativo ad un altro ufficio. Le chiedo di non arrendersi e non mollare, di usare la stessa grinta di quando lei ha invitato il comandante Schettino a riassumere i propri ruoli in quella maledetta notte del disastro della Costa Concordia.

Non mi soffermo sul riflettere se sia stato corretto che Schettino abbia tenuto una lezione sul panico all’Università, ma che lei oltre ad aver assunto un ruolo professionale corretto richiamandolo all’ordine ha rimarcato anche un senso civico ed etico della sua professionalità e del suo ruolo della quale non può e non deve rinunciare, prima di tutto per se stesso, per il corpo di cui fa parte ed infine per il Paese.

Mi spiace per questo accaduto e la incoraggio di nuovo a non arrendersi.

Un sentito e sincero abbraccio.

Dott. Luca Faccio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, allarme bomba in Comune. Rientrata allerta dopo ricerche artificieri

next
Articolo Successivo

De Falco e quell’abbraccio “scomodo” ai familiari delle vittime del Moby Prince

next