Un piccolo festival di comunità, migrazioni, lotte sociali, turismo responsabile e storie di mare. Un concorso per filmmaker che rilanci il dialogo su temi attuali e importanti, su vicende che hanno fatto conoscere all’opinione pubblica Lampedusa e Linosa come comunità capaci di dare un forte segnale di umanità in un mondo sempre più votato all’omologazione. Sei giorni di cinema e documentari accompagnati da dibattiti con ospiti internazionali, musica, mostre itineranti nelle spiagge dell’isola, un’installazione audio/visuale permanente, spettacoli teatrali con compagnie straniere e incontri con gli autori sui temi della migrazione e di altri urgenti argomenti della nostra società. Tutto questo è LampedusaInFestival, la cui sesta edizione si terrà dal 25 al 30 settembre dal palcoscenico dell’isola più a sud d’Europa.

Il concorso cinematografico, nato nel 2009 dalla collaborazione tra l’Associazione Culturale Askavusa e la Rete Dei Comuni Solidali e patrocinato dal Comune di Lampedusa e Linosa, quest’anno approfondisce il tema specifico della militarizzazione del Mediterraneo. Come sottolineano gli organizzatori, “la migrazione è un fenomeno che parte da cause ben precise e con diverse conseguenze. Noi cerchiamo di tenere bene a mente e analizzare entrambe. Per questa edizione abbiamo deciso di parlare di militarizzazione, perché ciò che sta succedendo negli Stati che si affacciano sul Mediterraneo e oltre – vedi Iraq ed Europa dell’Est – sono eventi che non possono essere ignorati e al contempo sono parte di un processo di ridefinizione dei poteri all’interno del quadro geopolitico internazionale.”

Questa edizione vede una programmazione ricca di ospiti internazionali come Sadou Bah dell’Autonom Schule Zurich (Scuola Autonoma di Zurigo), progetto gestito da migranti e cittadini Svizzeri per i newcomers, o la compagnia teatrale Théatrè Senza di Parigi, che metterà in scena la sua opera Miraculi, reduce dal debutto sul palco londinese del Camden Fringe.

Il gruppo di Bruxelles Memento Mari porterà poi la sua installazione audio-visuale “Welcome to Europe / Rewind“, un vero e proprio auspicio a ‘riavvolgere il nastro’ e rivedere in meglio le politiche migratorie: l’installazione utilizza il vento come elemento cardine e ‘motore’ di suoni e immagini. Nonostante gli scarsi contributi pubblici, il supporto di numerosi volontari ed associazioni culturali fa sì che tutti gli eventi siano gratuiti.

di Stefano Padoan

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vendemmia 2014, la più scarsa dal 1950. L’Italia perde il primato

prev
Articolo Successivo

Streeat Food Truck, a Milano il festival del cibo “on the road”

next