Si forma un nuovo fronte anti-Stato Islamico. Gli Stati membri della Lega araba hanno accettato di lottare, individualmente o a livello collettivo, contro l’Isis e gli altri gruppi militanti del Medioriente. La risoluzione approvata dalla Lega araba nel corso di una sessione notturna tenuta ieri, non appoggia esplicitamente le azioni degli Stati Uniti contro i militanti islamici. Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama vuole infatti mettere insieme una coalizione internazionale per fermare lo Stato islamico e dovrebbe presentare i propri piani mercoledì; tuttavia, la risoluzione della Lega araba afferma che le misure immediate per contrastare l’ex Isil devono essere implementate sul piano politico, difensivo, strategico e legale. Nabil Elaraby, segretario generale della Lega araba, ha detto ai giornalisti che i Paesi membri hanno deciso inoltre che considereranno un eventuale attacco contro uno di loro come un’aggressione a tutti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ucraina, ok alle nuove sanzioni Ue. Mosca: “Chiudiamo lo spazio aereo”

next
Articolo Successivo

Isis, gli Usa diffondono un video per gli aspiranti miliziani: “Statene alla larga”

next