Si sono presentati in 85mila ai test di ammissione universitari per professioni infermieristiche, 60mila in più rispetto ai 25mila posti disponibili. Una situazione che ha scatenato, in tutta Italia, proteste dei comitati studenteschi in favore del libero accesso allo studio. Nonostante i tanti aspiranti studenti, si è registrato un calo della domanda del 16,6% rispetto all’anno precedente.

Una corsa per l’ammissione all’anno accademico 2014/15 per le facoltà di fisioterapia, infermieristica, logopedia e ostetricia che vedrà l’ammissione di uno studente su tre in media, anche se per le facoltà più richieste, come ad esempio fisioterapia, il rapporto tra ammessi e respinti è di 1 a 12. La bassa percentuale di posti disponibili rispetto alle domande ha provocato proteste che a Palermo hanno causato il ritardo dei test. I ragazzi dei comitati studenteschi in favore del libero accesso allo studio sono riusciti a entrare all’interno delle aule in cui si svolgevano i test esponendo striscioni di protesta. Gli addetti alla sicurezza hanno messo in sicurezza le prove d’esame e fatto uscire i manifestanti.

Ai manifestanti ha risposto il rettore dell’Università di Bari, Antonio Urricchio, che ritiene il numero chiuso “un vincolo necessario per quelle facoltà dove è richiesta, ad esempio, un’attività di laboratorio, strutture di dottorato”. Nella sua università, dove si sono presentati 4mila candidati per 800 posti, “non si possono tenere migliaia di studenti in una sala operatoria, per far vedere come si fa un intervento chirurgico, o in un laboratorio per dimostrare una reazione chimica. L’importante è dare le stesse possibilità a ogni ragazzo”, ha concluso Urricchio.

Nei vari atenei sono stati messi in piedi servizi di sorveglianza per evitare brogli durante lo svolgimento della prova e ripetere quello che è successo durante i test di aprile, quando fu necessario riammettere 700 studenti che erano stati esclusi. Sempre a Bari, ad esempio, l’Università ha creato una speciale commissione di sorveglianza, allo scopo di garantire il regolare svolgimento delle procedure, e sono state installate 6 telecamere per un costo totale di 13mila euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforma della scuola: esempio eloquente del degrado della democrazia

next
Articolo Successivo

Scuola: non una riforma, tutt’al più una magia!

next