Crolla il balcone di una palazzina per i terremotati aquilani. È successo in una delle costruzioni del progetto C.A.S.E. (Complessi Antisismici Sostenibili ed Ecocompatibili), che alla periferia dell’Aquila ospitano i cittadini aquilani che hanno perso le loro abitazioni dopo il sisma del 6 aprile del 2009. Proprio in uno di questi palazzi nella frazione aquilana di Cese di Preturo, alle 12,30 un balcone è crollato finendo sul terrazzo dell’ appartamento al piano inferiore. Tragedia sfiorata, visto che in quel momento non c’erano persone in nessuno dei due balconi.

L’insediamento di Cese di Preturo è una delle 19 cosiddette “new town” costruite dopo il terremoto del 2009 e costituito da circa 4.500 alloggi per dare un tetto a circa 16mila aquilani rimasti senza casa. Grande preoccupazione e sgomento tra i cittadini che abitano negli appartamenti adiacenti, dove sarà effettuata una perizia per chiarire l’accaduto. Il sindaco, Massimo Cialente, che si è recato sul posto, ha spiegato che bisogna verificare se c’è “un problema strutturale“. Sul progetto C.A.S.E. fin dal suo varo – ai tempi dell’emergenza sisma – ci sono polemiche a partire dal costo. Gli insediamenti, sui quali ha dato indicazione progettuali l’allora presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, sono stati realizzati attraverso un bando coperto da un finanziamento dell’Ue di circa 500 milioni di euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Potenza, audio choc del chirurgo: Procura indaga sulla morte della donna

prev
Articolo Successivo

Isis, parroco raccoglie firme contro i jihadisti. I musulmani: “Siamo con lui”

next