Di solito bastano un ritocchino ai gruppi ottici, una spruzzatina alle modanature, nuovi cerchi e una revisione al listino per presentare un restyling e guadagnare qualche paginata di visibilità. Con la Yaris, versione 2014, Toyota ha fatto di più, investendo 85 milioni di euro sull’aggiornamento che ha comportato l’impiego di mille nuovi pezzi.

Non è una Yaris “tutta nuova”, ma un pizzico ci assomiglia. Perché un po’ sono cambiate le misure, l’estetica, i motori e gli allestimenti. In lunghezza, la rinnovata Toyota Yaris ha guadagnato 6 centimetri anche se il passo è rimasto identico. Il centro stile di Nizza e l’italiano Elvio D’Aprile sono stati “autorizzati” dal Giappone a intervenire in modo da rendere il modello più appetibile ai clienti europei e a quelli americani e strizzare l’occhio, con alcune versioni, a quelli del Sol Levante. Malgrado il buon riscontro al botteghino – nei primi sei mesi dell’anno, in Europa, la Yaris è stata la 14esima auto più venduta, con oltre 90.000 unità – Toyota si aspettava più entusiasmo dopo il lancio della nuova generazione; così ha sondato il terreno fra acquirenti e rivenditori e si è fatta dire cosa c’era che non andava, per meglio competere con le varie Fiesta, Clio, Polo, Corsa e 208 che la precedono in classifica.

Innanzitutto, per rendere le linee più emozionali, è stato disegnato una sorta di elemento a “X” sul frontale, mentre al posteriore debutta un nuovo paraurti con diffusore integrato e, com’è quasi inevitabile oggi, nuovi gruppi ottici a Led. Poi, all’interno, la Toyota ha abbandonato il minimalismo ed adottato materiali soffici nonché inserito una serie di opzioni cromatiche che rendono la Yaris più “calda” e personalizzabile. Così l’abitacolo è più accogliente e, soprattutto, ergonomico: utile sia per chi sta seduto ed è fermo nella giungla del traffico cittadino (a Milano è stata l’auto più venduta in assoluto del 2013, a Roma vanta il primato fra i privati) sia per chi decide di affrontare un lungo viaggio.

Gli ingegneri hanno poi provveduto a migliorare l’efficienza di due motori: quello d’ingresso a tre cilindri, “completamente reingegnerizzato” assicura la Toyota, con interventi che hanno portato le emissioni sotto la fatidica quota 100 grammi (99) e consumi dichiarati di 4,3 l/100 km – e quello ibrido, entrambi Euro 6 (le altre due unità in gamma restano invece Euro 5). Il fiore all’occhiello della Yaris, comunque, è il sistema ibrido benzina-elettrico, che si conferma eccellente in città se “maneggiato con cura”. Nel senso che il cambio automatico a variazione continua – l’unico disponibile, come su tutte le Toyota ibride – non è fatto per le accelerazioni improvvise e decise. Porta il motore molto su di giri e, inevitabilmente, fa lievitare i consumi ed anche la rumorosità all’interno dell’abitacolo. Basta provare il modello fuori dal traffico urbano, per esempio in tangenziale o in autostrada, per rendersene conto. Ma nel centro di Düsseldorf, che Toyota ha scelto per il debutto perché è la città con la più grande comunità giapponese d’Europa, la Yaris Hybrid adempie al suo dovere. Certo, nonostante il motore sia stato aggiornato per ridurre le emissioni (75 g/km di CO2) ed i consumi (3,3 l/100 km), la percorrenza dichiarata è lontana da quella reale.

Toyota Yaris 2014 – la scheda

Che cos’è: è il modello che conferma l’autonomia della filiale europea di Toyota. Le nuove linee sono griffate dall’italiano Elvio D’Aprile del Centro Stile di Nizza e verranno esportate anche in Giappone e Stati Uniti.
Che cosa cambia rispetto al “vecchio” modello: non è una generazione nuova, ma è più di un facelift. Misura 6 centimetri di lunghezza in più, sono stati impiegati materiali più morbidi all’interno ed il frontale della carrozzeria propone una nuovo elemento ad “X”.
Concorrenti principali: Fiat Punto, Volkswagen Polo, Renault Clio, Ford Fiesta, Peugeot 208. La versione ibrida ha un’unica concorrente nel segmento, la Honda Jazz Hybrid
Dimensioni: lunghezza 3,95 metri, larghezza 1,695, altezza 1,51, passo 2,510
Bagagliaio: da 286 litri a 768 con lo schienale del divanetto abbattuto
Massa: da 1.040 kg
Motori a benzina: tre cilindri a benzina da 1.0 litri da 69 CV (Euro 6, anche per neopatentati), 4 cilindri benzina da 1.3 litri VVT-i con cambio Multidrive S da 99 CV (Euro 5)
Motori diesel: quattro cilindri diesel da 1.4 litri da 90 CV (Euro 5)
Versione ibrida: 1.5 VVT-i Hybrid a benzina da 100 CV (potenza complessiva del sistema) con cambio automatico ECVT (Euro 6, anche per neopatentati).
Cambio: manuale a cinque marce oppure automatico
Trazione: anteriore
La versione che consuma meno: ibrida 1.5 VVT-i, accreditata di una percorrenza di 30,30 chilometri per litro nel ciclo misto ed emissioni di CO2 di 75 g/km
Piace: colori più vivaci e abbinamenti più allegri per gli interni; materiali più soffici al tatto; insonorizzazione migliorata nella versione diesel; precisione delle sterzo; prezzo d’ingresso interessante in fase di lancio, cioè fino al 31 ottobre
Non convince: cambio automatico della versione ibrida (quando si accelera bruscamente porta troppo su di giri il motore influendo sulla rumorosità e sui consumi); visibilità laterale non ottimale per via delle dimensioni e dell’inclinazione del montante laterale; poco sterzo
Produzione: Francia (Valencienne)
Prezzi: da 10.900 a 20.000 euro
In vendita: già ordinabile, consegne da settembre anche in occasione dei due “Porte aperte” (13/14 e 20/21)

 

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Serie 2 Active Tourer, la prima BMW a trazione anteriore – La prova del Fatto.it

next
Articolo Successivo

BMW X4, la variante più sportiva (e alla moda) della Suv X3 – la prova del Fatto.it

next