L’ex vice presidente americano Al Gore ha fatto causa a Al Jazeera America sostenendo che il network deve a lui e ad altri soci decine di milioni di dollari per l’acquisto della sua Current Tv, ceduta nel gennaio 2013 per un corrispettivo, sulla carta, di 500 milioni di dollari. L’emittente basata in Qatar, riferiscono i media americani, non avrebbe saldato per intero il dovuto. Secondo l’avvocato di Gore, David Boies, Al Jazeera America rifiuta di versare “decine di milioni di dollari” ancora giacenti su un conto di garanzia e “vuole darsi uno sconto di 65 milioni di dollari sul prezzo d’acquisto sul quale era stato trovato un accordo due anni fa”. La causa è stata depositata presso un tribunale di Delaware. La corte ha posto il segreto sui contenuti del reclamo, ma Gore, Joel Hyatt e gli altri ex soci di Current hanno chiesto che il caso venga reso pubblico. Il network non ha voluto rilasciare commenti.

Gore, premio Nobel per la pace per il suo impegno in difesa dell’ambiente, ha fondato il canale di informazione indipendente Current Tv nel 2005 con Hyatt, imprenditore e anche lui ex esponente del Partito democratico. Nel 2013 la decisione di cederla all’emittente panaraba, che era in cerca di un “trampolino di lancio” per sbarcare sul mercato statunitense. “Al Jazeera ha gli stessi obiettivi di Current Media”, avevano spiegato i due ex proprietari, “e come Current crede che i fatti e la verità aiutino a una migliore comprensione del mondo attorno a noi”. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diritto d’autore, Gabry Ponte e l’abuso che diventa censura

next
Articolo Successivo

Iraq e Gaza, telecamere come missili. Cnn e Al Jazeera: la guerra dell’informazione

next