L’ex vice presidente americano Al Gore ha fatto causa a Al Jazeera America sostenendo che il network deve a lui e ad altri soci decine di milioni di dollari per l’acquisto della sua Current Tv, ceduta nel gennaio 2013 per un corrispettivo, sulla carta, di 500 milioni di dollari. L’emittente basata in Qatar, riferiscono i media americani, non avrebbe saldato per intero il dovuto. Secondo l’avvocato di Gore, David Boies, Al Jazeera America rifiuta di versare “decine di milioni di dollari” ancora giacenti su un conto di garanzia e “vuole darsi uno sconto di 65 milioni di dollari sul prezzo d’acquisto sul quale era stato trovato un accordo due anni fa”. La causa è stata depositata presso un tribunale di Delaware. La corte ha posto il segreto sui contenuti del reclamo, ma Gore, Joel Hyatt e gli altri ex soci di Current hanno chiesto che il caso venga reso pubblico. Il network non ha voluto rilasciare commenti.

Gore, premio Nobel per la pace per il suo impegno in difesa dell’ambiente, ha fondato il canale di informazione indipendente Current Tv nel 2005 con Hyatt, imprenditore e anche lui ex esponente del Partito democratico. Nel 2013 la decisione di cederla all’emittente panaraba, che era in cerca di un “trampolino di lancio” per sbarcare sul mercato statunitense. “Al Jazeera ha gli stessi obiettivi di Current Media”, avevano spiegato i due ex proprietari, “e come Current crede che i fatti e la verità aiutino a una migliore comprensione del mondo attorno a noi”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Diritto d’autore, Gabry Ponte e l’abuso che diventa censura

prev
Articolo Successivo

Iraq e Gaza, telecamere come missili. Cnn e Al Jazeera: la guerra dell’informazione

next