Ferragosto vincente per le atlete azzurre in gara agli Europei di atletica di Zurigo. Libania Grenot ha vinto la medaglia d’oro sui 400 metri. L’italiana di origini cubane ha corso in 51″10 davanti all’ucraina Olha Zemlyak (51″36) e alla spagnola Indira Terrero (51″48). Per l’Italia si tratta della prima medaglia conquistata in questi campionati europei.

Nel salto in alto Alessia Trost si è qualificata per la finale. L’azzurra ottiene un posto in finale sotto la pioggia con la misura di 1,89. “Le sensazioni sono state buone. Nei primi salti è stato un po’ complicato, la pioggia e la pedana bagnata mi hanno creato un po’ di difficoltà soprattutto legate alla paura – ha spiegato Alessia Trost in zona mista – 1,85 non è stato un buon salto ma poi ho ritrovato il ritmo giusto e aver superato 1,89 al primo tentativo è la cosa che mi dà più sicurezza. La pedana è molto dura e risponde molto bene, richiede di abituarsi ma credo possa dare buoni risultati”.

Sul fronte maschile, il francese Yohann Diniz ha conquistato per la terza volta in carriera il titolo di campione europeo, vincendo la 50 km di marcia. Il francese ha dominato la gara chiudendo la propria corsa in 3 ore, 32 minuti e 33 secondi realizzando così il nuovo record del mondo. L’argento è andato allo slovacco Matej Toth, staccato di 3 minuti e 48 secondi, il bronzo al russo Ivan Noskov, a 5 minuti e 8 secondi dal vincitore. Il record precedente apparteneva al russo Denis Nizhegodorov, che nel 2008 a Cheboksary corse in 3 ore, 34 minuti e 14 secondi. Per quanto riguarda gli italiani, il migliore è Marco De Luca che chiude al settimo posto con il tempo di 3’45.25. Più indietro Teodorico Caporaso, 20°, e Jean-Jacques Nkouloukidi, 22°.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Figc, condanne e calcioscommesse: dal codice etico all’era di Tavecchio e Conte

next
Articolo Successivo

Siena, senza basket e calcio c’è il Palio dell’Assunta

next