La medaglia Fields per la Matematica è stata assegnata ad una donna. È la prima volta da quando il premio, considerato come il Nobel per questa materia, è stato istituito 80 anni fa. La medaglia viene assegnata ogni quattro anni a quattro specialisti che si sono distinti nel campo dei numeri. 

Quest’anno l’ambito riconoscimento è andato a Maryam Mirzakhani di 37 anni che ha elaborato un nuovo metodo per calcolare il volume di oggetti che hanno superfici iperboliche. Nata in Iran la Myrzakhani ha studiato ad Harvard dove si è diplomata nel 2004. Oggi è cittadina americana ed insegna matematica presso l’università di Stanford in California.

Il premio del valore di 15.000 dollari canadesi viene assegnato dalla International Mathematical Union (Icm) a persone al di sotto dei 40 anni che dimostrano talento eccezionale nella matematica. Nel corso della cerimonia, che si è svolta nella Corea del Sud, sono stati premiati anche Martin Hairer, un austriaco di 38 anni che lavora presso l’Università di Warwick in Inghilterra, Manjul Bhargava, di 40 anni cittadino con doppio passaporto canadese-americano che insegna alla Princeton University negli Stati Uniti e Artur Avila un ricercatore franco-brasiliano di 35 anni che lavora all’Istituto di Matematica di Jussieu a Parigi.

Si tratta di un “grande onore”, ha commentato Mirzakhani citata dal sito della Stanford, aggiungendo che “sarei felice se desse coraggio alle giovani scienziate e alle matematiche. Sono sicura che ci saranno altre donne che vinceranno questo tipo di premi nei prossimi anni”. Sullo stesso sito si legge poi che Mirzakhani è stata premiata per la sua abilità nella comprensione della simmetria di superfici curve.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Violenza sulle donne, “Le dita tagliate”: dal Mali all’India, giro del mondo dell’orrore

next
Articolo Successivo

Pari opportunità, così le “parole tossiche” avvelenano la nostra società

next