“Tremate, tremate, i Forconi sono tornati”. Il bersaglio, questa volta, è un carico di pomodori provenienti dalla Tunisia all’imbarco dei traghetti a Messina. Sono tornati a protestare, stamattina, per chiedere al governo di attuare il prima possibile le clausole di salvaguardia. In un video che in queste ore sta circolando su Facebook hanno filmato la protesta. Nel filmato, i forconi bloccano il tir contenente centinaia di cassette di ortaggi per poi rovesciarle sulla banchina. “Chiediamo interventi a sostegno dell’agricoltura siciliana e misure di salvaguardia per difendere la produzione nazionale”, dichiara Mariano Ferro, leader dei forconi. Annunciano una stagione calda: “Si sta distruggendo un’economia – aggiunge – se dobbiamo continuare cosi siamo pronti in inverno a fare quello che stiamo facendo stamattina. Al sit-in è presente anche il sindaco di Vittoria (Ragusa) Giuseppe Nicosia e altri suoi colleghi con fascia tricolore dei comuni della provincia ragusana. “Il presidente della Regione siciliana (Rosario Crocetta, ndr) ha dichiarato qualche giorno fa a Bruxelles che l’agricoltura e’ in ginocchio”, ha sottolineato Ferro”. “Non è una questione siciliana, è una questione italiana”, ha notato il leader dei Forconi, che ha aggiunto: “Stiamo avvisando da anni che se continua così saremo sommersi dai prodotti stranieri”. Seguire l’esempio francese. “In Francia – dice uno dei manifestanti – s’introduce merce estera solo quando viene esaurita quella interna”  di Loredana Di Cesare e Gisella Ruccia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Portici, pensionato ucciso in strada. Gli investigatori: “Colpito per errore”

next
Articolo Successivo

Roma, frasi antisemite e svastiche sulle serrande dei negozi gestiti da ebrei

next