Siamo alle solite. In Italia i ruoli più importanti non vengono mai ricoperti per competenza e professionalità, ma solo per logiche di appartenenza. Il caso Tavecchio è veramente emblematico. Un Uomo che dovrebbe guidare la Federcalcio Italia dovrebbe avere equilibrio e competenza. E cosa fa, invece, Tavecchio per presentare la sua candidatura? Si lascia andare ed esprime il suo grande pensiero per risollevare le sorti del calcio italiano: “In Italia solo stranieri mangia-banane“.

Una frase indegna. Un concetto troglodita che dimostra lo spessore di una persona che dovrebbe governare il Calcio in Italia. Ma Carlo Tavecchio è anche noto alle cronache giudiziarie. Infatti, così come risulta da un’interrogazione parlamentare del 2010, il candidato alla Presidenza della Federcalcio Italiano ha anche subito numerose condanne penali passate in giudicato e nella precisione: anni 1 mesi 3 e giorni 28 di reclusione, oltre a multe e ammende per oltre euro 7.000,00 così articolate: falsità in titolo di credito continuato in concorso – Corte di appello di Milano- pena: reclusione mesi 4; violazione delle norme per la repressione dell’evasione in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto – Tribunale di Como, sentenza del 29 novembre 1994, pena: reclusione mesi 2 giorni 28, multa euro 1652,66; omesso versamento delle ritenute previdenziali ed assistenziali – omissione o falsità in registrazione o denuncia obbligatorie – pretura di Como, sentenza del 2 luglio 1996, pena: reclusione mesi 3, multa euro 320,20; omissione o falsità in denunce obbligatorie – pretura di Como, sentenza del 7 luglio 1998, pena: reclusione mesi 3; abuso d’ufficio – Tribunale di Como, sentenza del 15 ottobre 1998, pena: reclusione mesi 3; violazione delle norme per la tutela della acque dall’inquinamento – tribunale monocratico di Como, sentenza dist. Erba, pena: multa euro 5.154,57.

Insomma il giusto curriculum italiano per ricoprire un ruolo di potere. Una persona scelta “sicuramente” per la sua competenza e la sua giovane età. Il solito caso Italiano. Mai che qualche ambiente ci sorprenda in meglio e dia l’esempio. E come se non bastasse un biglietto inaugurale degno della scanzonata commedia italiana anni ’80. In Italia il calcio è diventato da tempo un ambiente poco pulito. Gli intrecci criminali e affaristici legati al mondo del pallone sono oramai evidenti da tempo.

La situazione se si vuole cambiare veramente ha necessità di persone di specchiata moralità e imparzialità. Lontano dalla politica e da certi ambienti. Invece, come spesso avviene, ci ritroviamo con l’avere al comando uomini ben manovrabili e conniventi. Un mondo perennemente al contrario. E se anche lo sport viene definitivamente umiliato e svuotato dai suoi sani principi ci rimane ben poco da salvare in questa nostra società. Tavecchio è il caso che venga messo da parte e sollevato da ogni incarico federale già ricoperto. Vedremo se finalmente qualcuno riuscirà a fare la cosa giusta.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Yara Gambirasio, nuova perquisizione in casa di Massimo Giuseppe Bossetti

next
Articolo Successivo

Mondadori risarcisce D’Addario: “Nessun complotto contro Berlusconi”

next