Dopo il ricorso e l’esposto della Lega Nord sulle presunte anomalie della lista Pd in Piemonte per le elezioni regionali, Chiamparino Piemonte e Chiamparino Presidente, i vertici del Pd torinese si dimostrano sereni e replicano alle accuse del Carroccio. “L’autentica è assolutamente lecita – spiega Nadia Conticelli – consigliere regionale Pd, le cui firme hanno destato i sospetti del leghista Mario Borghezio, autore dell’esposto alla Procura di Torino – le firme che ho raccolto le ho prese io, le hanno fatte davanti a me, le ho autenticate col timbro della circoscrizione”. Penso che la Lega dovrebbe puntare a delle motivazioni politiche”  di Simone Bauducco e Andrea Di Giambartolomei

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Politici e bugie: le citazioni che stanno bene su tutto, un po’ come il beige

next
Articolo Successivo

Riforme, tagliola su interventi Aula. Voto l’8 agosto. Opposizioni in corteo al Colle

next