La Procura generale di Bologna ha presentato ricorso contro la decisione del Tribunale di Sorveglianza che ha accolto l’istanza di detenzione domiciliare speciale per Annamaria Franzoni. Lo apprende l’agenzia ANSA. La procura chiede che la donna condannata a 16 anni per l’omicidio del figlio torni in carcere: se ne discuterà in Cassazione. A quanto si apprende, nei motivi del ricorso la Procura generale sottolinea il fatto che la psicoterapia prescritta per Franzoni (e ritenuta dai giudici uno degli strumenti che consentono di contenere la pericolosità sociale della donna) può proseguire anche in carcere. Inoltre nel ricorso si sostiene che la detenzione domiciliare speciale non può essere concessa per chi ha figli con età superiore ai 10 anni, come nel caso del figlio minore di Franzoni, che ne ha 11. Franzoni è uscita dal carcere di Bologna il 26 giugno ed è tornata a casa a Ripoli Santa Cristina, frazione di San Benedetto Val di Sambro, dove vive con il marito e i due figli.

“Non abbiamo ricevuto nessuna notifica e non vogliamo dire nulla”, ha commentato all’agenzia Adnkronos l’avvocato Paola Savio, difensore di Anna Maria Franzoni. “Valuteremo cosa fare quando avremo ricevuto il provvedimento”, ha aggiunto Paola Savio.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

People mover, chiesto rinvio a giudizio per ex sindaco Pd Delbono e il capo Coop Ccc

next
Articolo Successivo

“Hai studiato a Bologna se…”, da Facebook a LoveBo: ecco la festa degli ex universitari

next