Daniela Santanchè proprietaria de l’Unità. Per qualcuno dei lettori (ed elettori) storici è un film dell’orrore. Ma per Dagospia e Huffington Post è una delle ipotesi di salvataggio del giornale che ormai ha un mese di vita e, a meno di colpi di scena, sarà costretto a chiudere. Da Antonio Gramsci alla pasionaria di Forza Italia: incredibile ma verosimile. La notizia esce dal sito di Roberto D’Agostino ed è confermato da fonti interne al giornale citate dall’HuffPost. Il contatto, secondo quanto è stato ricostruito, sarebbe avvenuto in mattinata, ma per ora il suo desiderio non è stato esaudito: i conti del giornale non li ha ancora visti. Il cdr prepara la resistenza: “In merito alle indiscrezioni riguardanti un’offerta di Daniela Santanché per rilevare l’Unità – si legge in una nota del comitato di redazione (il sindacato interno) – Il Cdr del giornale informa che si tratta di un’ipotesi che non avrà alcun futuro. Da quanto ci dicono i liquidatori, la sola idea che questa testata possa andare a finire nelle mani di una esponente di Forza Italia è incompatibile con la storia del giornale e quindi con la sua valorizzazione”. Intanto i giornalisti dell’Unità hanno inviato un video-appello al presidente del Consiglio: “Matteo non abbandonarci”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Linkiesta, si dimette il direttore Marco Alfieri dopo l’annuncio di nuovi tagli

prev
Articolo Successivo

Agenda digitale: Renzi rassicura sugli investimenti. Ma manca il regista

next