Centinaia di passeggeri sono stati evacuati stamattina da un treno Eurostar diretto da Londra a Parigi, fermatosi dentro il tunnel sotto la Manica per un guasto tecnico. Lo riferisce la società su Twitter. Al momento, il tunnel è aperto solo in un senso e tutti i collegamenti tra la capitale inglese e quella francese sono in forte ritardo. 

Ad essersi bloccata è stata una navetta Eurotunnel Folkstone-Calais, che trasportava 382 passeggeri e alcuni automezzi, bloccatosi intorno alle 7.30 di stamane per una caduta dei cavi di tensione. Secondo quanto riportato dall’agenzia AFP, si è trattato di “un incidente puramente tecnico”. Dalla compagnia Eurotunnel fanno sapere che la causa scatenante è stata quella di un problema elettrico: “I passeggeri delle auto presenti sono stati trasferiti nel tunnel di servizio previsto per le evacuazione e una seconda navetta è stata è stata inviata per il trasporto verso Calais. Stiamo lavorando per far uscire il treno dal tunnel e fare in modo che i passeggeri recuperino le loro vetture”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nato: sfide e opportunità per l’Italia

prev
Articolo Successivo

Terrorismo, niente cellulari e tablet scarichi su voli diretti negli Stati Uniti

next