L’orgoglio di esserci, ma prima ancora l’onore per il grande assente. Parola di tedesco. “Prima di tutto fatemi dire che siamo tutti molto tristi per il fatto che Neymar non possa giocare contro di noi”. Bastian Schweinsteiger dimostra la sua grande sportività ricordando, a due giorni dalla semifinale mondiale tra la sua Germania e il Brasile, l’avversario infortunato. “A perderci sarà prima di tutto lo spettacolo – prosegue il centrocampista del Bayern in conferenza stampa -. I migliori dovrebbero sempre poter andare in campo, perché è lì che dovrebbero stare”.

Secondo Schweinsteiger, la Germania non deve sottovalutare la sfida con la Seleçao nonostante l’assenza della stella più luminosa: “Adesso che ha perso Neymar, immagino che la nazionale brasiliana si compatti e unisca ancor di più le sue forze attorno a due tecnici di valore come Scolari e Parreira (coordinatore della Selecao ndr). Si tratta di allenatori che hanno anche grande esperienza, e penso che quella di martedì sarà una sfida non solo sul campo ma anche fra le panchine”.

Nessuna previsione, infine, su come andrà la super-sfida di Belo Horizonte:  “Vincerà – conclude Schweinsteiger – chi giocherà la partita più intelligente. Il fattore campo? E’ un vantaggio per loro, unito alle grandi doti tecniche che hanno”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brasile 2014, infermiera filma Neymar infortunato: licenziata in tronco

next
Articolo Successivo

Mondiali 2014, provocazione del Brasile: “Thiago Silva in conferenza”

next