Ma quale Telemaco!, per piacere. Ulisse, il padre, fece la storia e l’epica di un’intera civiltà, non certo quel figlio bamboccione che stava a guardare la madre tessere e disfare e solo quando il padre tornò si dette una mossa. Matteo Renzi infligge al Parlamento europeo un discorsetto – breve, almeno quello – denso di citazioni culturali da Liceo Classico, ma senza un solo riferimento concreto, preciso, dettagliato alle cose che intende fare nei prossimi sei mesi, adesso che l’Italia è alla presidenza del Consiglio dell’Ue.

Parlando a braccio, dopo avere consegnato un testo scritto che –speriamo- risponde alle molte domande lasciate in sospeso, il premier snocciola nomi e circostanze che, probabilmente, buona parte dei deputati europei di differente tradizione culturale non sono in grado di apprezzare; e punta su parole come “coraggio” e “orgoglio”, “fiducia” e “speranza” che suonano più telecronaca dei Mondiali che discorso programmatico del semestre italiano.

E, poi, subito il gradino generazionale che tanto piace a Renzi: dell’Europa, non vuole scattare un’istantanea, ma fare un selfie. E ne viene fuori –dice- un volto stanco, rassegnato, noioso. Invece il suo è un discorso ad effetto, scoppiettante, che vuole ”ritrovare l’anima dell’Europa” –obiettivo ambizioso, se ve n’è uno- ed essere all’altezza “della grandezza dei Padri”, che il premier ritrova nella tradizione classica greca e latina.

Persino Manuel Barroso, il presidente della Commissione europea, un portoghese prudentissimo, sente stridere qualcosa, se, prendendo la parola, ricorda a Renzi che Italia e Grecia sono state spesso al centro dei discorsi europei negli ultimi anni, ma non nel segno della tradizione oratoria di Demostene e Cicerone, bensì per problemi di conti in disordine e palpitazioni sull’euro.

Crescita, occupazione, immigrazione sono le parole più concrete del discorso di Renzi. E flessibilità forse la più ricorrente, sempre accompagnata dalla precisazione, che l’Italia, Paese fondatore e contribuente netto, “non viene in Europa a chiedere, ma a dare”, “non chiede scorciatoie, ma offre la sua disponibilità a fare la propria parte”.

Tra frasi ad effetto (“Non ci interessa giudicare il passato, ci interessa costruire il futuro”; o “l’Europa dfeve tornare a essere una frontiera” –ma perché, non lo è?-) e proposte magari buone, ma buttate lì (un servizio civile europeo), la ciliegina sulla torta è la mano tesa alla Gran Bretagna: se è vero che “l’Unione senza la Gran Bretagna non sarebbe se stessa”, è però altrettanto vero che “ricondurre all’unità tutte le posizioni” significa procedere al minimo comune denominatore. Facendo a pugni con “il coraggio” e l’orgoglio” e la riscoperta della frontiera.

Ma, parlando a braccio, logica e consequenzialità non sono sempre rispettate. Magari il testo scritto sarà più concreto e preciso: ché, se la bussola del semestre è quello pronunciato, Ulisse non troverà Itaca nei prossimi sei mesi. E Telemaco continuerà a tenersi i Proci in casa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Semestre Ue, la squadra ‘light’ del premier: poltrone per Gualtieri e Mogherini

next
Articolo Successivo

Semestre europeo, Renzi propone la sua lista: flessibilità, industria e digitale

next