Mondiale finito per il difensore tedesco Mustafi. A dirlo è il tecnico della Germania Joachim Low, dopo la vittoria contro l’Algeria: “Dovrà restare fermo per almeno due o tre settimane”. Il giocatore della Sampdoria ha riportato al 25’ del secondo tempo una lesione muscolare al bicipite femorale sinistro. Si parla di uno stop di qualche settimane.

Non una buona notizia quindi per i tedeschi che ieri hanno dovuto rinunciare anche a Hummels per via di un attacco febbrile che lo ha costretto al forfait. Adesso l’impegno del 4 luglio è fondamentale per misurare le reali possibilità dei tedeschi di vincere la competizione mondiale: affronteranno la Francia di Deschamps che ieri ha battuto per due reti a zero la Nigeria grazie ad un super Pogba. Per il prossimo impegno comunque il difensore del Borussia Dortmund e perno della difesa tedesca dovrebbe tornare al suo posto per cercare di arginare Benzema and co. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Quarti di finale mondiali 2014: Neymar recupera. Ci sarà con la Colombia

prev
Articolo Successivo

Mondiali 2014, il cileno Pinilla si tatua la traversa colpita col Brasile al 120′

next