Germania-Algeria non è una partita come le altre, almeno non per i nordafricani. Nel 1982 le ‘Volpi del deserto’ stupirono il mondo battendo Rummenigge e compagni nella prima gara del girone, ma vennero eliminati a causa di uno dei biscotti più famosi della storia: Germania Ovest-Austria finì 1-0, il risultato che serviva per qualificare entrambe le squadre. Il ct tedesco Loew, però, non vuole pensarci: “Molti dei miei giocatori nel 1982 non erano nemmeno nati”.

Alla vigilia della sfida di Porto Alegre, comunque, Loew dice di non fidarsi dei prossimi avversari: “Sono molto pericolosi – le sue parole -, fanno dell’unità il loro punto di forza e non abbiamo alcuna intenzione di sottovalutarli”. La Germania è nettamente favorito, ma l’Algeria di Vahid Halilhodzic vuole continuare ad essere la sorpresa del Mondiale: “Siamo una piccola squadra contro una delle più grandi al mondo – le parole del ct -. Nel calcio però tutto è possibile, faremo di tutto per mostrare il lato migliore del calcio algerino”. Nei due precedenti con la Germania Ovest, l’Algeria ha raccolto altrettante vittorie: quella inutile ma storica del 1982 e quella in amichevole nel 1964, un secco 2-0.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ottavi di finale mondiali 2014: Olanda-Messico, primo time out nel calcio

prev
Articolo Successivo

Olanda – Messico, 2-1 agli ottavi di finale. Pagelle e tabellino

next