Le vittorie sul campo entrano di diritto nei libri di storia, del calcio s’intende. E’ così per il commissario tecnico della Colombia, l’argentino Josè Pekerman, entrato di diritto nella storia dei Mondiali eguagliando il record di Vittorio Pozzo come allenatore col maggior numero di partite consecutive senza sconfitte. Il ct dei Cafeteros, con la vittoria di ieri sull’Uruguay, ha raggiunto il tecnico italiano che tra il 1934 e il 1938 guidò gli azzurri alla conquista della Coppa in due edizioni consecutive.

Pekerman nel 2006 ha allenato l’Argentina ai Mondiali in Germania uscendo ai quarti di finale per mano della stessa Nazionale tedesca ma soltanto ai rigori dopo l’1-1 nei tempi regolamentari. Nelle precedenti quattro gare l’Albiceleste aveva sconfitto 2-1 la Costa d’Avorio, 6-0 la Serbia, pareggiato senza reti con l’Olanda e vinto ai quarti contro il Messico per 2-1. In seguito alla sconfitta dagli undici metri contro la Germania, Pekerman si dimise da ct dell’Argentina guardando da casa il Mondiale sudafricano nel 2010.

Chiamato a guidare la Colombia nel 2012, il ct ha incrementato il suo score positivo con 4 vittorie in altrettante gare nell’attuale Coppa del Mondo (3-0 alla Grecia, 2-1 alla Costa d’Avorio, 4-1 al Giappone e ieri il 2-0 all’Uruguay agli ottavi). Ora la Colombia è attesa dall’avversario forse più temibile, il Brasile padrone di casa. A Pekerman servirà un successo o un pareggio nei 90 minuti regolamentari per raggiungere lo storico traguardo di 10 partite consecutive senza sconfitte e superando così Vittorio Pozzo. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brasile 2014, Costa Rica contro Grecia nella sfida che non t’aspetti

prev
Articolo Successivo

Brasile 2014, Maradona polemico contro il Brasile: “Che delusione”

next