La velocità e la classe di Robben e Van Persie contro il ritmo e la grinta di Hernandez e compagni. Sarà il Castelao di Fortaleza il teatro del terzo ottavo di finale di Brasile 2014: in campo ci sono Olanda e Messico. Gli Orange hanno chiuso a punteggio pieno il girone B: tre vittorie, aperte da quella roboante contro la Spagna. Ottimo inizio anche per i centroamericani, secondi (ma solo per differenza reti) dietro al Brasile nel gruppo A. E ora ci si gioca l’accesso ai quarti: la vincente sfiderà una tra Costa Rica e Grecia.

Il Messico ha una maledizione da spezzare: nelle ultime cinque partecipazioni ai Mondiali, El Tricolor è sempre stato eliminato agli ottavi di finale. In Germania e in Sudafrica l’artefice fu l’Argentina: se non altro il rischio di incrociare Messi è stato scongiurato. Miguel Herrera non potrà disporre di Vazquez, squalificato e al suo posto ci dovrebbe essere Fabian. In avanti riconferma praticamente certa per il duo: Giovani Dos Santos-Oribe Peralta, con il Chicharito Hernandez pronto ad entrare dalla panchina per spaccare la partita.

Van Gaal guarda lontano: l’esperto tecnico olandese sa che la sua formazione potrebbe arrivare in semifinale senza trovare sul proprio cammino grosse insidie. Ora il Messico, poi una tra le Cenerentole Costa Rica e Grecia: c’è tutto da perdere per gli Orange, alle prese con polemiche legate al clima. Alle 13 (ora brasiliana) sono previsti 32 gradi a Fortaleza, con l’80% di umidità. Tutto confermato per quanto riguarda la formazione: possibile il forfait di Martins Indi, mentre ritorna dopo la squalifica Robin Van Persie.

Sei i precedenti fra le due nazionali, tutti in gare non ufficiali: tre successi per l’Olanda, due per il Messico, un pareggio. L’ultima sfida è datata 2010, quando a Friburgo gli Orange s’imposero 2-1 grazie alla doppietta di Van Persie. Inutile la rete di Hernandez. Il match, in programma con fischio d’inizio alle 18 italiane, sarà diretto dal portoghese Pedro Proença.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brasile 2014: Colombia-Uruguay 2-0, tabellino e pagelle

prev
Articolo Successivo

Brasile 2014, Costa Rica contro Grecia nella sfida che non t’aspetti

next