Josè Pekerman, commissario tecnico della Colombia, teme l’Uruguay nella sfida degli ottavi di finale dei Mondiali in programma sabato alle 22 al Maracanà, nonostante l’assenza per squalifica di Luis Suarez. “Questo è un tema molto delicato, ma le nostre  preoccupazioni riguardano l’Uruguay come squadra. Sono molto preso con la Colombia, con i nostri problemi, i nostri infortuni”, ha detto il ct dei Cafeteros rispondendo alle domande dei cronisti riguardo il bomber del Liverpool nella conferenza stampa della vigilia.

La Colombia ha dato spettacolo nella prima fase con tre vittorie in tre gare ma Pekerman teme la solidità l’Uruguay: “Abbiamo studiato l’Uruguay nel suo complesso, conosciamo la sua forza; è un avversario formidabile, una squadra e un allenatore molto esperti, che lavorano insieme da anni”. Il ct dei Cafeteros non si fida dunque della Celeste di Tabarez, considerata pericolosa nonostante l’assenza della sua stella Suarez, punito per il morso a Chiellini contro l’Italia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brasile 2014, l’argentino Higuain: “Barcellona? Penso solo al Mondiale”

prev
Articolo Successivo

Brasile 2014: Brasile-Cile 4-3, tabellino e pagelle

next