Chi cerca trova. Tutto. Sempre e solo su Google. L’azienda di Mountain View, dopo aver cancellato la parola privacy dai dizionari di tutto il mondo scrutando la vita degli internauti, con o senza Google Glass, si appresta ad entrare nelle case smart tecnologicamente avanzate, acquisendo la californiana Dropcam specializzata in sistemi di videosorveglianza, con una transizione che secondo il Wall Street Journal vale circa 555 milioni di dollari.

Così dopo l’acquisto di Nest Labs, produttore di termostati intelligenti e rilevatori di fumo, per una cifra che si aggira intorno ai 3 miliardi di dollari, ora anche la sicurezza domestica sarà sotto gli occhi di Google con i prodotti Dropcam che andranno ad integrare così il pacchetto Nest recentemente acquisito da Big G. Conferma arrivata ufficialmente dopo settimane di indiscrezioni da Nest Labs e Dropcam sui rispettivi blog. Non solo ricerca online, pubblicità e servizi social quindi. Ancora una volta la mossa strategica dei fondatori Larry Page e Sergey Brin tocca le corde della riservatezza e mette in discussione le questioni riguardanti il rispetto della privacy, fra le mura di casa. Come riportato dall’Ansa, Nest tuttavia sottolinea che sul fronte riservatezza per Dropcam adotterà la sua stessa politica, ovvero – scrive – ”non condividerà dati con altre aziende, inclusa Google, senza il permesso degli utenti”. Il modello di business, sottolinea, non sarà basato sulla pubblicità.

Sarà vero? Difficile crederci. Perché quando si dice Google, parlare di pubblicità diventa inevitabile. Anche uno come Maurizio Costanzo avrebbe fatto fatica, nonostante i suoi consigli per gli acquisti. Intanto, mentre Big G allarga la presa sul web con l’arrivo di Google Domains per la vendita dei domini internet, l’auto che guida da sola è sempre più vicina e la controversa e recente sentenza della Corte di Giustizia europea sul diritto all’oblio produce i suoi primi effetti. Per gli amanti della privacy non c’è più soluzione. O forse sì. Provate a cercare su internet. Chi cerca trova. Ma sempre e solo su Google.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mondiali Brasile 2014: la startup che fa correre l’Italia

next
Articolo Successivo

Tecnostress: mandateci in ferie dai nostri smartphone

next