Giunti Editore raddoppia i suoi utili e il merito è tutto di Peppa Pig. La casa editrice fiorentina, infatti, è il licenziatario italiano del personaggio dei cartoni animati più amato dai bambini. Il bilancio 2013 si è chiuso con un utile netto di 11 milioni di euro, in crescita del 97% rispetto ai 5,6 milioni dell’anno prima. Il fatturato si è attestato a 195,4 milioni ed è sostenuto per buona parte dalla brillante performance della collana di libri per bambini ispirata al simpatico maialino. La posizione finanziaria netta è pari a -28,8 milioni di euro, in miglioramento rispetto a -41,3 milioni di euro nel 2012. Il presidente di Giunti Editore, Sergio Giunti, ha commentato questi numeri: “Il 2013 è stato un anno positivo per il Gruppo Giunti, nel quale abbiamo consolidato la terza posizione di mercato con una quota in notevole progresso”. Il successo di vendite dei libri ispirati a ‘Peppa Pig’ è inarrestabile: i numeri parlano di 7 milioni di copie vendute negli ultimi due anni, anche grazie al successo dell’omonima serie tv. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I super-ricchi hanno già dimenticato la crisi. In Italia sono a quota 203mila

prev
Articolo Successivo

Ocse, in Italia redditi dei più ricchi sono 10 volte più alti di quelli dei più poveri

next