Giunti Editore raddoppia i suoi utili e il merito è tutto di Peppa Pig. La casa editrice fiorentina, infatti, è il licenziatario italiano del personaggio dei cartoni animati più amato dai bambini. Il bilancio 2013 si è chiuso con un utile netto di 11 milioni di euro, in crescita del 97% rispetto ai 5,6 milioni dell’anno prima. Il fatturato si è attestato a 195,4 milioni ed è sostenuto per buona parte dalla brillante performance della collana di libri per bambini ispirata al simpatico maialino. La posizione finanziaria netta è pari a -28,8 milioni di euro, in miglioramento rispetto a -41,3 milioni di euro nel 2012. Il presidente di Giunti Editore, Sergio Giunti, ha commentato questi numeri: “Il 2013 è stato un anno positivo per il Gruppo Giunti, nel quale abbiamo consolidato la terza posizione di mercato con una quota in notevole progresso”. Il successo di vendite dei libri ispirati a ‘Peppa Pig’ è inarrestabile: i numeri parlano di 7 milioni di copie vendute negli ultimi due anni, anche grazie al successo dell’omonima serie tv. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Il Fatto Personale

di Antonio Padellaro 12€ Acquista
Articolo Precedente

I super-ricchi hanno già dimenticato la crisi. In Italia sono a quota 203mila

next
Articolo Successivo

Ocse, in Italia redditi dei più ricchi sono 10 volte più alti di quelli dei più poveri

next