In Italia il 10% più ricco della popolazione guadagna un reddito 10 volte superiore al quello del 10% più povero. Dunque il 10% delle persone più benestanti del nostro Paese detengono il 24,4% del reddito nazionale disponibile, a fronte del 2,4% posseduto dal 10% più povero. Una spaccatura che si è allargata negli anni della crisi, perché nel 2007 il rapporto era di 9 a 1. A riferirlo è l’Ocsecon uno studio sulle disuguaglianze di reddito basato su dati riconducibili al periodo 2011-2012. Il divario è molto elevato anche tra il 20% più ricco della popolazione, che nel periodo esaminato ha incamerato il 39,3% del reddito nazionale disponibile, e il 30% più povero, che si è fermato al 7,1%. Una differenza di oltre 30 punti percentuali a cui si aggiunge un altro dato significativo: il tasso di povertà relativa. Il dato, infatti, che indica la percentuale di persone che vivono con meno della metà del reddito mediano nazionale, è passato in cinque anni dall’11,9% al 12,6%

Negli ultimi trent’anni, inoltre, il rischio povertà per gli anziani è calato, mentre è aumentato quello per le fasce più giovani della popolazione. Nel caso italiano, se si fissa a 100 il tasso di povertà medio della popolazione, a metà anni Ottanta gli under 18 erano a 104,6 e i diciotto-venticinquenni a 90,9, mentre gli over 75 erano a 183,8. Nel 2011, la situazione si è ribaltata: gli over 75 sono scesi a 84,3, mentre gli under 18 sono saliti a 137,5 e la fascia 18-25 a 104,4.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Peppa Pig’, Giunti raddoppia l’utile. Crescita del 97% grazie a libri per bambini

next
Articolo Successivo

Ubi Banca, il tribunale di Brescia accoglie istanze Jannone e chiede verifica libro soci

next