Silvio Berlusconi ha incontrato Vincenzo Speziali, indagato dalla Procura di Reggio Calabria per aver tentato di aiutare l’ex parlamentare latitante di Forza Italia Amedeo Matacena a trasferirsi da Dubai in Libano. A rivelarlo è stato l’ex ministro dell’Interno Claudio Scajola arrestato nell’operazione “Breakfast” e interrogato dai pm Giuseppe Lombardo e Francesco Curcio nel carcere di Rebibbia. “Speziali l’ho conosciuto dopo che mi sono dimesso da ministro. Lui telefona alla mia segreteria. Ma non a Roberta (la segretaria Sacco, ndr), a Roma”.

Scajola spiega ai magistrati di essere stato invitato a un convegno a Beirut organizzato dall’Internazionale democristiana. È lì che ha conosciuto Gemayel, il leader delle falangi libanesi con il quale, stando all’impianto accusatorio della Dda, Speziali doveva intercedere per aiutare Matacena.

Pochi mesi dopo, Gemayel va a Roma dove Scajola organizza un convegno della fondazione “Cristoforo Colombo” da lui presieduta. “Vincenzo (Speziali, ndr) mi chiede – spiega Scajola – prima che arrivasse Gemayel, se gli combinavo un incontro con Berlusconi. Gemayel va da Berlusconi con me… e con Speziali. Berlusconi lo accoglie benissimo, gli parla benissimo” (ascolta l’audio dell’interrogatorio).

Durante l’interrogatorio di Scajola, spunta anche il nome di Marcello Dell’Utri, l’altro esponente di Forza Italia arrestato a Beirut dove si era rifugiato per evitare il carcere dopo la sentenza definitiva per concorso esterno in associazione mafiosa.

Il sospetto della Procura è che dietro ci sia sempre Speziali che “aveva l’ambizione di fare il deputato. Secondo me il suo modo di avvicinarsi a me, aveva come obiettivo di avvicinarsi pensando in questo modo che gli potessi dare una mano a fare il deputato. Speziali mi disse che aveva incontrato diverse volte Dell’Utri. E io ho sempre arguito che lui per la sua candidatura dovesse cercare gli sponsor che potevano. E che quindi anche Dell’Utri poteva essere utile. Lui certamente mi ha detto: ‘Ho visto Marcello’. Come forse dopo il casino di Dell’Utri gli ho detto: ‘Ma lì che?’. E lui mi ha detto: ‘No, no, no, ma io tantissimo tempo che non lo vedevo’”.

Durante l’interrogatorio, “Sciaboletta” si è soffermato anche sulla mancata candidatura alle Europee e sul suo declino politico dopo l’indagine sulla casa vista Colosseo: “Io sulla vicenda della casa sono politicamente morto. Ho visto i telegiornali… I miei mi han mollato. Io morto. Quindi non interessavo a nessuno” (ascolta l’audio dell’interrogatorio).

Risolta l’indagine, Scajola chiese a Berlusconi di candidarsi: “Lui mi dice: ‘Mi pare giusto’. Non avevo colto una cosa importante. E cioé se non mi avevano difeso allora (per la casa al Colosseo, ndr), dove io non chiedevo chissà che cosa… di fronte a queste elezioni europee dove Forza Italia si presenta con debolezza, dove vogliono imporre come capolista questo Toti… Perché dovrebbero mettersi al rischio che io casomai faccio il primo eletto e Toti fa una figura… Ho cercato Berlusconi tre volte al telefono e non mi si è fatto passare. Quando fui prosciolto, e c’eravate voi due (si riferisce ai suoi avvocati, ndr)… assolto come si chiama… sul problema della casa, suonò il mio telefono. Era Berlusconi che mi diceva: ‘Ho sempre creduto in te’. Mai più riuscito a parlargli”.

Ai pm, Scajola ricorda i tempi in cui con il suo leader c’era un feeling particolare. Adesso non più: “La mia delusione nei confronti di Berlusconi. Non credevo che non mi mettesse in una lista di 21 persone dove eri scelto con le preferenze”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Procura Milano, Prima commissione Csm: “Archiviazione e atti al pg”

prev
Articolo Successivo

Tav, io sto con Erri De Luca

next