L’ex fotografo dei vip Fabrizio Corona, attualmente detenuto nel carcere di Opera per altri reati, è stato assolto a Milano dall’accusa di evasione fiscaleIl pm aveva chiesto nei confronti dell’ex re dei paparazzi, presente in aula, la condanna a un anno e nove mesi di reclusione per un’evasione fiscale da un milione e 300 mila euro compiuta, secondo l’accusa, nel biennio 2007/2008 nell’ambito delle attività della sua agenzia fotografica.

Capelli lunghi e barba curata, maglietta bianca e tatuaggi ben in vista l’ex fotografo dei vip aveva preso la parola in aula per ribadire la sua innocenza e per sottolineare che “703 mila euro di tasse le ho pagate solo in quell’anno, io senza la società, io Fabrizio Corona”. L’accusa invece contestava a Corona di non essere riuscito a dimostrare la provenienza di una serie di versamenti effettuati presso alcune banche tra i quali uno da 703 mila euro. Per l’Agenzia delle Entrate queste somme sono diventate, per induzione, elementi attivi di reddito che, se non dichiarati e senza versare le relative imposte, danno luogo a infedele dichiarazione. Oggi la difesa ha fornito la documentazione in cui emergono i versamenti fatti, documentazione che gli è valsa l’assoluzione accolta dagli amici e dalla mamma di Corona con un breve applauso in aula. Soddisfatta la difesa, così come la mamma dell’ex fotografo che non ha nascosto la sua commozione: “Oggi è stata fatta giustizia, spero che presto si risolvano le cose, da oggi sono più fiduciosa nella giustizia”.   

“È stato assolto perché il fatto non sussiste – ha spiegato il suo legale, Ivano Chiesa -, e sono state accolte tutte le nostre richieste. In passato gli sono state inflitte pene troppo alte a partire da quella per il caso Trezeguet – ha proseguito il legale -, stiamo pensando di chiedere la revisione del processo”. Chiesa ha aggiunto che Corona “è un detenuto modello”. “In carcere ha scritto un libro – ha concluso – partecipa a varie iniziative, gioca a calcio e ha fatto anche lo ‘spesino’, portando da mangiare ai detenuti”.

Lo scorso 30 gennaio era passata in giudicato per lui l’ennesima condanna: un anno per aver evaso quasi 500mila euro di Irpef per l’anno di imposta 2004. Dopo che una serie di condanne sono diventate definitive (come i 5 anni in Cassazione per estorsione a David Trezeguet e i 3 anni e 10 mesi per bancarotta), il cumulo pene che Corona deve scontare con la reclusione ha già raggiunto i 14 anni e 2 mesi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Processo Mediaset, giudice Esposito a “giudizio” per intervista su sentenza

next
Articolo Successivo

Estradizione Marcello Dell’Utri, l’ex senatore di FI sarà consegnato domani

next