“Sono sudato, è stato impegnativo. Vi auguro di non capitare mai sotto un Pubblico ministero“. Così Denis Verdini, senatore di Forza Italia, commenta l’udienza preliminare di oggi di fronte al Gup di Firenze Fabio Frangini, nel procedimento che lo vede imputato per la bancarotta fraudolenta del Credito Cooperativo Fiorentino, di cui Verdini è stato presidente fino al 2010. “E’ stato un supplizio. Io sono un uomo di strada, non sono un uomo d’Aula. Neanche in quelle di scuola, figurarsi quelle di tribunale” ha poi aggiunto a chi gli chiedeva se oggi non ci sia stato “uno show” da parte sua. Burrascosi i toni del contro-esame, un colloquio durante il quale Verdini avrebbe risposto più volte “a tono” e dove si sarebbe definito “un coglione” per essersi indebitato al fine di non lasciare che i giornalisti (delle sue imprese editoriali) “finissero sulla strada”. Il procedimento vede 60 indagati, tra i quali il fondatore di Forza Italia, Marcello Dell’Utri  di Max Brod

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scajola: “Accompagnai io Speziali e Gemayel da Berlusconi”

prev
Articolo Successivo

Scajola: “A Roma l’incontro tra Berlusconi, Gemayel e Speziali”

next