Undici anni per tornare ai livelli pre-crisi. E’ questo il dato più forte che emerge dal rapporto ‘Le economie regionali’ presentato dall’ufficio studi Confcommercio in occasione dell’assemblea annuale. Resta critico anche lo stato di salute delle attività commerciali e dei servizi, con oltre 12.000 imprese in meno nei primi tre mesi del 2014. L’80% di queste riguardano settori non alimentari e in particolare l’abbigliamento. Si amplia ancora il divario economico-sociale tra il Nord e Sud del paese; nel 2015, infatti, i consumi nel meridione toccheranno livelli più bassi di vent’anni fa. “Nel 2015, al Sud, si raggiungeranno 12.160 euro pro capite, un livello addirittura inferiore a quelli di vent’anni fa (12.195 euro, ndr)”, si legge nel rapporto.

Consumi ancora fermi nel mese di aprile 2014 – Secondo Confcommercio l’indicatore dei consumi registra una flessione dello 0,3% rispetto a marzo, con un aumento dello 0,2% su base annua. Con un Pil a +0,5% e i consumi fermi a +0,1% nel 2014, la ripresa si allontana e si conferma più debole del previsto. La stima di Confcommercio, prevede “un leggero recupero nel 2015 con Pil a +0,9% e consumi a +0,7%”. Ma anche se “la fiducia cresce, i consumi e gli investimenti mostrano l’altra faccia del Paese, quella di un’economia reale drammaticamente ferma al palo”. Tra il 2007 e il 2013 il prodotto procapite si è ridotto di oltre 3.100 euro e fino al 2015 non è atteso alcun recupero significativo.

Italia esporta quasi la metà della Germania – Dati allarmanti anche per quanto riguarda l’export di beni; l’Italia con una quota del 25%, esporta quasi la metà rispetto alla Germania (44%) e quasi un terzo rispetto all’Olanda(70%). A livello regionale, solo il Veneto, l’Emilia Romagna e la Lombardia si avvicinano alla media della zona euro (35%). Molto inferiore la percentuale del Mezzogiorno (13%), a testimonianza della mancanza di politiche adeguate a sostenere il turismo, fonte di export fondamentale per il meridione.

Occupazione: dal ’95 il Sud a -5,2%. Ci si sposta al Nord o in Europa – Anche le dinamiche occupazionali confermano il distacco del Sud dal resto del Paese: mentre il numero di occupati in Italia dal 1995 al 2013 cresce del 3,6%, al Sud cala del 5,2%. Per cercare nuove opportunità di lavoro, si seguono due tendenze: dal Sud verso il Nord e dal Nord verso l’Europa. 

Sud si spopola, cresce popolazione nel nord-est – L’Italia negli ultimi anni cambia anche dal punto di vista demografico: cresce la popolazione del Nord-Est (+11,3% dal 1995), mentre scende al Sud (-0,2%). Dal 2007 si fanno meno figli e oggi il tasso di natalità è il più basso dell’ultimo decennio (9 per mille nel 2012, 9,4 per mille nel 2002).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mediolanum, Massimo Doris volto del gruppo. In corso iscrizione in albo banche

next
Articolo Successivo

Telecom, l’antitrust brasiliano boccia Telefonica e conferma multa da 15 milioni

next