“Sono arresti che per i partiti che li hanno subìti hanno avuto il privilegio” di arrivare dopo le elezioni. Il ministro dell’Interno Angelino Alfano torna a ribadire la sua convinzione della giustizia a orologeria commentando ai giornalisti lo scandalo dell’inchiesta sul Mose, che ha portato agli arresti del sindaco Pd Giorgio Orsoni – ai domiciliari – e dell’assessore regionale di Forza Italia Renato Chisso. Proprio il 20 maggio, in occasione dell’arresto del presidente del Consiglio regionale della Campania Paolo Romano – candidato alle elezioni europee nelle liste Ncd – avvenuto qualche giorno prima della tornata elettorale, il ministro aveva infatti dichiarato:  “Meglio se l’arresto fosse arrivato prima della presentazione delle liste o dopo le elezioni”.

Ed è proprio al caso Romano che si riferisce il ministro dell’Interno. “Ad altre formazioni politiche – afferma a margine di un evento alla Selex Es a Chieti Scalo – in piena campagna elettorale a qualche giorno dal voto non è stato riservato lo stesso privilegio. Credo che istituzionalmente la Procura di Venezia sia stata davvero molto corretta”. Ma il caso del presidente del Consiglio regionale della Campania non è l’unico per il quale Alfano ha invocato la giustizia a orologeria. Sull’idea ha insistito più volte anche in passato, e in particolare in riferimento a Silvio Berlusconi. A febbraio 2013, ad esempio, in occasione del la nuova accusa di corruzione contestata all’ex Cavaliere per il presunto “acquisto” del senatore De Gregorio nel 2006 aveva detto: “Saremo in tanti al suo fianco per dire basta a un uso politico della giustizia, ad inchieste ad orologeria ed al protagonismo di alcune Procure”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ddl anticorruzione, il governo chiede un mese in più per la discussione in Senato

prev
Articolo Successivo

Inchiesta Mose: richiesta d’arresto per Galan, il liberal di Fi scoperto da Dell’Utri

next