Ignazio Corrao è il primo capo- delegazione per il Movimento 5 stelle in Europa. L’annuncio è arrivato dal blog di Beppe Grillo: “I 17 cittadini portavoce del M5S al Parlamento europeo hanno scelto a maggioranza come capogruppo Ignazio Corrao, eletto nella circoscrizione Isole”. Il capo-delegazione resterà in carica per tre mesi nel rispetto del principio di rotazione già applicato dai cittadini portavoce alla Camera e al Senato. “Allo scadere dei tre mesi i portavoce eleggeranno a maggioranza un nuovo capogruppo”, conclude la nota.

Il neo europarlamentare è il candidato che ha ottenuto alle scorse elezioni Europee oltre 70mila voti. Seconda Isabella Adinolfi per la circoscrizione meridionale (67mila preferenze). Corrao in un primo momento non era riuscito nemmeno ad entrare nella lista dei candidati perché non aveva preso abbastanza preferenze alle elezioni online del Movimento 5 stelle. Poi grazie alla rinuncia di uno, è rientrato in corsa a poche settimane dalle votazioni. Corrao ha 29 anni, una laurea in giurisprudenza e da alcuni mesi lavorava nell’ufficio legislativo dell’M5S alla regione Sicilia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Maria Elena Boschi, se Roma non è la Svezia

prev
Articolo Successivo

Napolitano: “Servono forti cambiamenti. Lotta dura a evasione e corruzione”

next