Ignazio Corrao è il primo capo- delegazione per il Movimento 5 stelle in Europa. L’annuncio è arrivato dal blog di Beppe Grillo: “I 17 cittadini portavoce del M5S al Parlamento europeo hanno scelto a maggioranza come capogruppo Ignazio Corrao, eletto nella circoscrizione Isole”. Il capo-delegazione resterà in carica per tre mesi nel rispetto del principio di rotazione già applicato dai cittadini portavoce alla Camera e al Senato. “Allo scadere dei tre mesi i portavoce eleggeranno a maggioranza un nuovo capogruppo”, conclude la nota.

Il neo europarlamentare è il candidato che ha ottenuto alle scorse elezioni Europee oltre 70mila voti. Seconda Isabella Adinolfi per la circoscrizione meridionale (67mila preferenze). Corrao in un primo momento non era riuscito nemmeno ad entrare nella lista dei candidati perché non aveva preso abbastanza preferenze alle elezioni online del Movimento 5 stelle. Poi grazie alla rinuncia di uno, è rientrato in corsa a poche settimane dalle votazioni. Corrao ha 29 anni, una laurea in giurisprudenza e da alcuni mesi lavorava nell’ufficio legislativo dell’M5S alla regione Sicilia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maria Elena Boschi, se Roma non è la Svezia

next
Articolo Successivo

Napolitano: “Servono forti cambiamenti. Lotta dura a evasione e corruzione”

next