Nuovi indagati nell’inchiesta-bis per peculato sui fondi del Consiglio regionale sardo. Fra loro l’ex assessore Liori. Carabinieri e Guardia di finanza hanno notificato gli avvisi di comparizione ad alcuni nuovi indagati dell’inchiesta-bis sui fondi ai gruppi del Consiglio regionale sardo. Secondo quanto appreso, si tratterebbe di una decina di inviti a comparire, firmati dal pm Marco Cocco, a consiglieri regionali delle passate legislature, che farebbe salire così il numero degli iscritti sul registro degli indagati per peculato, attualmente fermo a 66 tra il primo filone e l’inchiesta bis.

“Oggi ho ricevuto l’invito del pmCocco a presentarmi come persona sottoposta ad indagini in relazione all’inchiesta dei fondi dei gruppi regionali”. Ad annunciarlo è lo stesso interessato, l’ex consigliere regionale e già assessore alla Sanità e al Lavoro, Antonello Liori, dirigente nazionale di Fratelli d’Italia. “Mi presenterò fiducioso davanti al magistrato, convinto di aver sempre speso i fondi nell’ambito dell’attività politico-istituzionale – ha detto Liori -. Ovviamente, come dirigente di Fratelli d’Italia, ho informato i vertici nazionali ed attendo le loro decisioni a tutela dell’onorabilità del Partito”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Liguria malata, le colpe sono anche dei pm

prev
Articolo Successivo

Strage di Viareggio, “non fu la zampa di lepre a squarciare la cisterna”

next