Si è chiusa la sfilata di leader politici nel salotto di Bruno Vespa. La gara di share la vince Beppe Grillo che lunedì 19 maggio ha registrato il 26,8 per cento: boom di ascolti per il ritorno in Rai del comico e soprattutto per il confronto con il giornalista più volte attaccato dal Movimento 5 stelle. Secondo Matteo Renzi e solo terzo Silvio Berlusconi. Giovedì sera, nella parte di trasmissione che ha ospitato il premier, “Porta a porta” ha fatto registrare 2.379mila telespettatori, con uno share del 19,50%. Raiuno nella fascia 23,20-24,20 ha vinto abbondantemente la seconda serata doppiando tutte le altre reti. Per quanto riguarda lo share, Renzi da Bruno Vespa ha ‘doppiato’ Silvio Berlusconi, che mercoledì 21 maggio ha fatto registrare il 10,7%. La performance del premier è inferiore solo a quella del leader del Movimento 5 stelle che lunedì sera ha fatto il 26,8% di share, complice anche l’effetto ‘evento’, dato che il comico genovese mancava dagli studi dell’azienda pubblica dal novembre del 1993.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bonus 80 euro, arrivati i primi cedolini con aumento per i dipendenti pubblici

prev
Articolo Successivo

Twitter, gaffe di Renzi: lancia #Senzapaura ma quell’hashtag è della Meloni

next