Calcio e politica vanno da sempre a braccetto in tutto il mondo. Ma il binomio ha trovato la sua massima espressione in Bolivia, dove il presidente della Repubblica Evo Morales ha deciso di diventare anche calciatore. E non per una partita di beneficenza o in qualche categoria minore, ma da vero professionista: nella stagione 2014/2015 giocherà infatti tra le fila dello Sport Boys, squadra di Warnes, del dipartimento di Santa Cruz, che milita nella massima serie del campionato locale. L’annuncio è stato dato dalla dirigenza del club, fra lo stupore di giornalisti e tifosi nel corso di un’affollatissima conferenza stampa. Non c’è trucco né finzione: il presidente Mario Cronenbold ha comunicato lo stipendio del presidente (percepirà 215 dollari al mese, il minimo sindacale) e ha anche mostrato il suo tesserino, per dimostrare l’affiliazione già avvenuta presso la Federazione boliviana.

A settembre, dunque, Evo Morales farà il suo esordio nella Liga a 54 anni suonati. I dirigenti hanno spiegato anche le condizioni dell’accordo firmato fra le parti: il capo di Stato, che scenderà in campo con la maglia numero dieci, giocherà “almeno due o tre partite, scelte compatibilmente ai suoi impegni istituzionali, per almeno venti minuti ciascuna”. Una trovata davvero imprevedibile, che promette però di far felici tutti. Il club, innanzitutto: forse sul piano tecnico lo Sport Boys pagherà qualcosa con l’ingresso in campo di un 54enne non calciatore; ma dal punto di vista del marketing, degli introiti commerciali e degli incassi da gara, le casse societarie avranno sicuro beneficio. E anche il presidente avrà il suo tornaconto: le sue esibizioni sono previste a partire da settembre, in autunno. Proprio in contemporanea con le prossime elezioni presidenziali: il 5 ottobre la Bolivia tornerà alle urne per scegliere il suo capo di Stato, e Morales ha intenzione di fare campagna elettorale sui campi di calcio.

Lo stesso Cronenbold ha parlato esplicitamente di “mossa elettorale”. La riconferma del presidente in carica è data per probabile, ma non più scontata come in passato: Morales di recente è sceso nei sondaggi per la prima volta al di sotto del 50%, e per ricandidarsi ha anche dovuto aggirare il vincolo di tre mandati consecutivi (grazie ad un’interpretazione favorevole del Tribunale costituzionale secondo cui il primo, quello dal 2006 al 2010, non è da considerare perché avvenuto sotto la precedente costituzione). La sue performance da calciatore potrebbero risultare persino decisive nella rielezione. L’opposizione, infatti, è già in allarme, ben poco entusiasta di vedere l’onnipresente Morales all’opera anche sul campo di gioco. E anche Alex Contreras, braccio destro del presidente, avvisa: “Potrebbe essere controproducente, nel calcio contano i risultati e se la squadra dovesse perdere i tifosi daranno colpa al presidente”. D’altra parte, visti i precedenti non c’è neanche troppo da stupirsi della scelta di Morales. Tifoso e appassionato, con un passato da calciatore a livello giovanile, il presidente boliviano era già salito agli onori della cronaca nel 2006 per essersi rotto il naso in un’amichevole in uno scontro con un portiere.

E poi nel 2007, quando aveva improvvisato una partita sulle Ande, ad un’altitudine superiore ai 5mila metri: un’iniziativa di protesta contro la decisione della Fifa di vietare partite ufficiali oltre quota 3000 metri, penalizzando così la Bolivia, la cui capitale La Paz si trova a 3600 metri circa sopra il livello del mare. Né può sorprendere l’utilizzo del calcio a fini elettorali. Soprattutto in Italia, dove i successi del Milan hanno costituito parte determinante dell’epopea berlusconiana. O se si pensa alle polemiche degli ultimi giorni, quando Matteo Renzi ha dovuto rinunciare a giocare la Partita del cuore per ragioni di par condicio. Da Gianni Rivera a Romario (deputato in Brasile fra le file del partito socialista), fino ad arrivare a George Weah (candidato alle presidenziali in Liberia nel 2005), sono tanti i calciatori che hanno sfruttato la propria popolarità sportiva per buttarsi in politica. Fin’ora, però, nessuno aveva fatto il contrario. Ma Evo Morales è sempre stato abituato a stupire. E Il suo esordio nella Liga boliviana rappresenterà solo l’ennesimo capitolo della sua carriera di presidente-calciatore.

Twitter: @lVendemiale

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Champions League: per esser ricchi basta parteciparvi. Spiccioli a chi vince l’ex Uefa

next
Articolo Successivo

Giro d’Italia 2014, Canola batte i velocisti. Uran resta maglia rosa

next